Ikea ad Altopascio?

da
Advertising

Il sindaco Maurizio Marchetti, propone e rilancia la candidatura di Altopascio per ospitare, nel territorio del Tau, il progetto Ikea, un polo commerciale di 35 mila quadrati che avrebbe una ricaduta occupazionale notevole, con circa 800 posti di lavoro. Il colosso svedese dei mobili al risparmio, considera infatti eclissato ormai ogni rapporto con il comune di Vecchiano per la destinazione originariamente scelta di Migliarino. Beghe politiche in seno al Pd dell’ente pisano e la resistenza dei comitati locali hanno fiaccato persino la pazienza dei flemmatici dirigenti scandinavi (disposti anche a realizzare una strada parallela all’Aurelia e ad ottemperare a tutti i vincoli urbanistici). La multinazionale ha modificato più volte, dal 2007 ad oggi i progetti, senza però trovare mai risposte positive. Adesso ha rotto gli indugi e sta cercando una nuova localizzazione. Accanto a Cascina e Viareggio (favorito a questo punto) c’è anche Altopascio. “Basta che ci chiamino e sono prontissimo a trattare – commenta Marchetti – da noi troverebbero gli spazi idonei nell’area ex Cover, a poche centinaia di metri dal casello autostradale e che possiede già la destinazione urbanistica per quel tipo di insediamento produttivo. Con questi chiari di Luna sotto il profilo economico, credo che la necessità che si creerebbe, di centinaia di posti di lavoro, da soddisfare attraverso personale del luogo, non sia da buttare. So benissimo – aggiunge il primo cittadino altopascese – che siamo svantaggiati dalla troppa vicinanza con Firenze, dove esiste il principale stabilimento Ikea della Toscana. Loro consideravano Migliarino strategicamente ideale per raccogliere un bacino di potenziali clienti sulla costa tirrenica, all’uscita tra la A11, la Firenze-Mare e la A12 Genova-Livorno, in teoria tra La Spezia e Grosseto. Sarà difficile, ma siamo disponibili”. Altopascio già ospita complessi della grande distribuzione come Mercatone, Brico Center, Penny Market, Conad.

Advertising