Assemblea dei commercianti a Spianate

da
Advertising

Il futuro del commercio di Altopascio e soprattutto quello delle frazioni. E’ questo il tema dell’assemblea degli esercenti di Spianate, la più popolosa frazione del comune del Tau, che si svolgerà domani sera, giovedì, alle 21 circa nella sala polivalente nei pressi dello spazio sagra. Gli operatori del settore discuteranno con l’assessore alle attività produttive Francesco Fagni, il quale sarà presente alla serata, delle problematiche del terziario locale afflitto, come gli altri del resto, dalla crisi economica. L’argomento è di stretta attualità alla luce della riunione del direttivo di lunedì ad Altopascio dove, a quanto sembra, non sono mancate le polemiche. Ma è necessario andare oltre per costruire in modo proficuo. A Spianate i commercianti chiederanno probabilmente l’esatta delimitazione del Centro Commerciale Naturale, di cui non fanno parte; se sono previste manifestazioni in loco poiché l’unica specifica è quella organizzata in occasione delle festività per il Patrono, San Michele a fine settembre. “E’ vero che ci è stato detto che possiamo collaborare agli eventi del CCN – dichiara un negoziante di via Mazzei, – ma questo può valere per coloro che sono titolari di certe attività, non per altre. Chi vende le scarpe o fiori può trasportare la sua merce, in teoria, in corso Cavour o in piazza della Magione durante la Francigena in fiore, per fare un esempio. Chi invece produce generi alimentari cosa deve fare? Portare il banchetto in occasione della prossima festa del pane? Sarebbe assurdo. Serve chiarezza”. C’è anche un aspetto ulteriore da esaminare. In tutte le realtà limitrofe esiste una Pro Loco funzionante che allestisce, in sinergia con l’ente pubblico, spettacoli e iniziative. All’ombra della Smarrita questa associazione di fatto si vede solo una volta all’anno, per la selezione di Miss Italia durante il Luglio altopascese.

Advertising