Le novità per il mercato di Altopascio

da
Advertising

Banchi anche sotto il campanile, in piazza Tripoli, piazza Ricasoli (non di tipo alimentare). L’esperimento è partito lo scorso 5 agosto. Una  rivoluzione copernicana per il mercato settimanale del giovedì a Altopascio che movimenta un volume d’affari di circa un milione di euro annuo. Le novità riguarderanno solo alcuni settori merceologici, visto che per il comparto alimentare tutto rimarrà invariato, almeno per il momento, con gli esercenti che proseguiranno ad essere ubicati in via Rosselli (dove vennero spostati molti anni fa da piazza Garibaldi). Nei mesi scorsi fu approvata dalla giunta la nuova planimetria per rideterminare i posteggi, con i criteri per l’assegnazione. Tutti gli operatori (alcuni stranieri) hanno scelto regolarmente, giovedì prossimo, dunque, si dovranno presentare e si partirà con la nuova dislocazione. Sono 82 i banchi attualmente presenti, sempre escludendo dal conto quelli che vendono cibo a vario titolo. Altro obiettivo fondamentale, quello della sicurezza. Per fare un esempio concreto, fino ad oggi sarebbe stato abbastanza arduo per un mezzo di soccorso poter “dribblare” i banchi di corso Cavour o penetrare all’interno del cosiddetto triangolo del Tau (dove un tempo si trovava l’antico ospedale dei noti Cavalieri) costituito dalle piazze del centro storico Ricasoli, Garibaldi, Ospitalieri. In passato vi furono dei problemi in tal senso. Adesso sarà possibile e più facile agire in caso di emergenze. Previsti pure un paio di punti di raccolta della popolazione in caso di eventuali calamità naturali in piazza Tripoli e di fronte alla chiesa di San Jacopo.

Advertising