Islanda,Grímsvötn erutta, l’Europa ha paura. L’Aquila la terra trema. Panico.

da
Advertising

La Terra continua a tremare a L’Aquila 4 scosse nella notte e, a  14 mesi di distanza dalla disastrosa eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajokull, che per settimana ha parallizzato il traffico aereo e, dato un colore grigiastro ai cieli del nord Europa, un altro vulcano, il Grímsvötn, il piu’ grande d’Islanda, è sedimentato nel cuore del ghiacciaio Vatnajokull, Grimsvotn è il vulcano più attivo in Islanda, con le sue maggiori eruzioni registratesi nel 1922, 1933, 1934, 1938, 1945, 1954, 1983, 1998 e 2004. Le sue eruzioni, in genere provocano delle inondazioni, che però hanno un impatto minimo, perché le zone circostanti sono disabitate. ha iniziato ad eruttare. Dal cono si è elevato un pennacchio di fumo che ha raggiunto i 15 km di altezza. All’eruzione e’ seguito uno sciame sismico di circa 50 scosse, le piu’ forti di magnitudo 3,7. Le autorita’ islandesi hanno imposto una no fly zone di un raggio di 120 miglia nautiche (220 chilometri). Situato sul Vatnajokull, il più grande ghiacciaio dell’Islanda, il Grímsvötn non eruttava dal 2004, quando provocò qualche disagio al traffico aereo in Europa. Ed è da stamane all’alba che una nuvola di cenere, composta da particelle minuscole, particolarmente pericolose per gli aerei, ha raggiunto i 15 chilometri.Al momento dell’eruzione, c’era in volo anche un aereo.

 

 

Advertising