Lucca, molotov contro un imprenditore edile

da
Advertising

Lucca, la notte viene scossa dal rumore sordo delle bombe molotov. Infatti 5 bombe molotov  esplodono nel giardino, sulle scale e contro l’avvolgibile di una finestra della villetta a due piani. Un attentato contro un  piccolo imprenditore edile, Moreno Giannecchini, 42 anni, imprenditore edile di S. Pietro a Vico. Le molotov, ovviamente sono fatte a mano, infatti si tratta di ordigni di fabbricazione, ovvero bottiglie di vetro vuote con all’interno una mistura di alcool e cherosene, ed il classico stoppino di innesto. Date le modalità di uso delle bottiglie molotov sembra chiaro che l’esecuzione è stata fatta da un commando composto da almeno 4 persone, i danni seppure ingenti non hanno, per fortuna, causato conseguenze fisiche agli abitanti della casa. Se una delle molotov fosse entrata dalla finestra lasciata accostata al primo piano dell’edificio,  il fuoco poteva avvolgere  le tende invadendo le stanze di un fumo acre e irrespirabile. Nella villetta oltre all’imprenditore abitano la moglie ed un bambino di 10 anni. L’imprenditore vittima dell’attentato non riesce a trovare una spiegazione valida a quanto è accaduto.

Advertising