Made in Altopascio: il caso Dekker

da
Advertising

Altopascio, una impresa di successo che punta tutto su tematiche legate all’ambiente ed alla responsabilità sociale: parliamo delll’azienda D&K di cui Massimo Tassinari è amministratore delegato e fondatore, insieme a Riccardo Coppola. L’azienda sperimenta con vero successo i temi della tutela dell’ambiente e degli individui e per farlo inizia con divieti tassativi come quello del fumo, «dentro e fuori l’azienda, per tutto il suo perimetro». Il marchio Dekker è una delle storie di successo del made in Tuscany.Come illustra Tassinari sulle pagine della Nazione il marchio Dekker ” è un marchio military fashion che prende il nome da un marinaio imbarcato in un sommergibile della Seconda Guerra Mondiale e ricamato sulla sua divisa. Sin dalle prime collezioni abbiamo rivisitato capi classici come il peacoat imbottito di piuma d’oca e sigillato con cuciture termo saldate, poi dopo la Marina ci siamo ispirati al mondo dell’aviazione e all’esercito. Il brand è cresciuto, si è posizionato nella fascia alta del mercato. E ha successo anche con la vendita on line che cresce del 200% l’anno. A brevissimo partirà il progetto retail. Vantiamo una produzione tutta italiana, spesso addirittura made in Tuscany per gli accessori che registrano un sell out ottimo”.  Un progetto importante per l’economia del territorio è quello che fa del marchio Dekker una delle eccellenze nel campo della moda.

Advertising