Atti di violenza ed intimidazioni – Manneschi IDV: “Le elezioni sono passate. Perchè il sindaco non condanna gli episodi?

da
Advertising

Il dieci maggio ho presentato una mozione in Consiglio regionale per condannare una serie di gravi episodi intimidatori che stavano creando un clima di tensione sociale e politica nel comune di Altopascio (strani messaggi sul sito “Casal di Principe’s Blog” che invitavano a votare Maurizio Marchetti, sindaco uscente ed ora neo eletto del Comune; pesanti minacce alla redazione di “Altopascio.info”, rea di aver criticato il candidato Marchetti; manifesti elettorali di Alternativa Democratica staccati e coperti con quelli del candidato del centrodestra; due autocarri di una locale impresa edile andati a fuoco ed infine le dimissioni del direttore di “Altopascio.info” con motivazioni poco chiare).

Nella mozione chiedevo che il Marchetti, in qualità di sindaco uscente ed in quanto interessato – come candidato sindaco per il centrodestra – da alcune di queste singolari ‘attenzioni’ pre-elettorali, prendesse le distanze e condannasse pubblicamente questi gravi episodi, contribuendo in tal modo a rasserenare il clima preelettorale ed a fornire il necessario appoggio a tutte le autorità nel loro lavoro di indagine sugli autori delle minacce a degli atti di violenza.

L’effetto della mia denuncia fu che non solo il Marchetti non condannò minimamente né prese le distanze dai gesti intimidatori, ma mi attaccò con motivazioni pretestuose e mi promise anche una querela.

Le elezioni sono passate. Il Marchetti è stato rieletto sindaco col 59% dei consensi. Il teso clima preelettorale si è dissolto e non sussistono più quindi le condizioni per presunte strumentalizzazioni di parte a fini elettorali. Le minacce, le intimidazioni e gli atti di violenza invece rimangono, così come il silenzio del sindaco su tali atti, che rappresentano un capitolo fosco della cronaca altopascese.

Perché il sindaco continua a non voler pronunciare le doverose parole di condanna degli episodi in questione? Vuole forse che il silenzio e l’oblio calino come una pietra su eventi oscuri della città? Come si diceva un tempo: “non è mai troppo tardi”. Chiedo dunque al Sindaco Marchetti di compiere oggi quel doveroso atto di condanna degli episodi di violenza.

Marco Manneschi, Vicecapogruppo IDV in Consiglio regionale.

Testo pubblicato così come ricevuto.


Advertising