Lucca: 5 “uomini che contano” arrestati per corruzione

da
Advertising

Lucca, 5 "uomini che contano" in manette per corruzione
Lucca, 5 "uomini che contano" in manette per corruzione

Lucca, 5 persone arrestate all’alba per corruzione. Tra gli arrestati l’assessore al Traffico, e alla Mobilità, con delega allo stadio, Marco Chiari. Arrestato anche il dirigente dell’ufficio Urbanistica, Maurizio Tani. Arresti domiciliari per altri tre professionisti accusati di corruzione: Andrea Ferro, ex presidente della commissione urbanistica del Comune di Lucca; Luca Antonio Ruggi, dello studio professionale di Chiari, e l’architetto Giovanni Valentini del Gruppo Valore di Prato che fino a ieri pomeriggio era azionista di maggioranza della Lucchese Calcio.

Per la Procura di Lucca i 5 arrestati sono colpevoli di  di reati contro la pubblica amministrazione, per aver creato uno stabile accordo corruttivo con promesse e dazioni di danaro, finalizzato all’adozione ed approvazione di provvedimenti amministrativi, che consentissero la realizzazione di importanti progetti edilizi ed urbanistici. Nell’ambito dell’operazione è stato eseguito il sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 18 milioni di euro, a carico della società Valore.

La Procura di Lucca ha chiesto e ottenuto anche il sequestro dell’intera area del parco di Sant’Anna.

Nell’operazione sono stati impegnati circa 80 militari dell’arma di Lucca e sono state effettuate numerose perquisizioni in abitazioni ed uffici.
I cinque, spiega una nota dei carabinieri, sono ritenuti responsabili di “reati contro la pubblica amministrazione per aver creato uno stabile accordo corruttivo con promesse e dazioni di danaro, finalizzato all’adozione e approvazione di provvedimenti amministrativi, che consentissero la realizzazione di importanti progetti edilizi e urbanistici”.
Advertising