La giunta Marchetti Promette ma non mantiene

da
Advertising

La redazione riceve e pubblica la seguente nota a firma “Alternativa Democratica per Altopascio”.
“Durante la Campagna Elettorale per le elezioni Comunali, fu fatta una proposta alle tre liste concorrenti, dove si chiedeva alla lista vincitrice di destinare il 40 per cento del proprio percepito su un fondo chiamato “Un gettone per Altopascio”, che sarebbe servito per portare avanti iniziative sociali che avrebbero aiutato anziani, giovani e famiglie. Tale proposta fu accettata da tutte e tre le liste concorrenti tanto che Maurizio Marchetti (candidato per “Insieme per Altopascio”) aderì con le seguenti parole:“Aderiamo favorevolmente alla proposta. Precisiamo però che le cifre riportate nel testo sono errate : infatti il sindaco percepisce 1923 euro mensili, gli assessori 892 euro mensili, il presidente del consiglio 204 euro mensili, tutte soggette alla naturale tassazione.Grazie , Insieme per Altopascio”. 

Passate le elezioni e stabilito il vincitore, al terzo consiglio comunale, la lista “Alternativa Democratica per Altopascio” presenta una mozione al riguardo con la speranza che fosse mantenuta la parola data. Evidentemente in Campagna Elettorale tutto è lecito, perchè Sabato mattina (16 Luglio 2011), l’attuale sindaco dichiara fermamente di non aderire utilizzando parole ed espressioni poco consone al luogo in cui si trovava. Chiediamo ai cittadini di riflettere sull’accaduto, perchè il futuro che attende il comune di Altopascio non è altro che un riflesso di questa Italia governata a scopo di lucro per pochi alla faccia dei cittadini tutti. Un amministrazione che sta continuando sulla falsariga del governo attuale a cui fa riferimento lo stesso Marchetti. Prendersi un impegno consapevoli di non volerlo mantenere è veramente una beffa!!
Questa manovra sarebbe stata a costo zero!!! In compenso attualmente, per fronteggiare i debiti creati da questa stessa Amministrazione, si continuano a fare tagli a servizi che vanno a gravare proprio sui cittadini.”

Advertising