Profanato tabernacolo della chiesa di Badia Pozzeveri

da
Advertising

Si è partiti da un semplice furtarello. Della serie la gente adesso si attacca a tutto. 5 miseri euro spariti dalle offerte custodite nella sacrestia della chiesa di Badia Pozzeveri, frazione del comune di Altopascio. Poi però si è scoperto dell’altro. Ignoti si sono introdotti in chiesa, spaccando il vetro di una finestra laterale. Successivamente hanno profanato il tabernacolo, l’oggetto a forma di scatola dove si conservano le ostie consacrate dopo il sacramento della Comunione. Le ostie sono state sparpagliate per terra, così come alcuni calici. Sfilata la tastiera dell’organo. Insomma puro vandalismo. Candelabri d’oro lasciati al loro posto. Ciò significa che il raid non aveva come obiettivo il valore o il profitto. Solo la volontà di fare confusione in un luogo sacro. Indagano i carabinieri. Ora, al di là dei sentimenti religiosi di ognuno, fatto personale proprio, tutto ciò deve far riflettere. A Badia tra l’altro vi sono precedenti inquietanti. Auto spaccate a mazzate lo scorso dicembre (nella foto), furti ripetuti nell’abitazione del parroco, don Corrado Frediani (anche le sera di Natale mentre il sacerdote officiava Messa), bestemmia vergate sulla sua auto con un punteruolo. A sostegno del prete di Badia, che potrebbe anche chiedere di trasferirsi, il Vicario generale della Diocesi di Lucca, Monsignor Giannotti.  

Advertising