Messa in sicurezza della Francigena per i turisti

Filed under: Altopascio Montecarlo |

Comunicato del comune di Altopascio. “L’Amministrazione Comunale di Altopascio da anni sta lavorando alla  valorizzazione del percorso della Via Francigena, al fine di migliorare i servizi per i pellegrini. Oltre alla istituzione di un servizio continuo di accoglienza, di una foresteria che solo nell’ultimo anno ha ospitato oltre 2000 pellegrini di tutto il mondo, a essere rappresentata nei massimi organismi che curano questo percorso spirituale e turistico, ha da sempre operato per mettere in sicurezza il tracciato che viene utilizzato dai viandanti. In questa ottica, nell’ambito del progetto speciale di interesse regionale “La Via Francigenaper una nuova offerta turistica”, su incarico della giunta municipale presieduta dal sindaco Maurizio Marchetti e su proposta dell’assessore alla cultura e vicepresidente dell’associazione europea delle Vie Francigene Nicola Fantozzi, l’ufficio tecnico comunale ha provveduto ad elaborare la progettazione preliminare per la messa in sicurezza dell’intero percorso nel territorio del comune di Altopascio. Al fine di rendere l’intero percorso pedonale usufruibile e percorribile dai pellegrini sia a piedi che con animali a seguito, in condizioni di sicurezza adeguate, la progettazione ha previsto sulle arterie stradali più trafficate, ove attualmente le banchine sono strette, la realizzazione di nuovi camminamenti ; lungo i tratti dove attualmente sono presenti questi percorsi, verrà eseguita una manutenzione attraverso la sostituzione della pavimentazione e l’abbattimento delle barriere architettoniche. In pochi casi,  dove sulle arterie stradali non vi è la possibilità di mettere in sicurezza il pedone con nuovi camminamenti, si provvederà all’esecuzione di una segnaletica orizzontale di sicurezza, effettuata sul manto stradale, in modo da identificare lo spazio per il transito dei pellegrini anche a fini turistici, tanto da renderlo visibile anche a chi percorre in automobile le strade. Il costo complessivo dell’intervento è 500mila euro e il contributo regionale è pari a 385mila euro. Il restante sarà reperito dall’amministrazione comunale”