Sognatevi la piscina

da
Advertising

Non si dicono mai tante bugie quante quelle che si raccontano in periodo di guerra e prima delle elezioni. Questo celebre aforisma di Otto Von Bismark fotografa meravigliosamente quanto accaduto a Altopascio per la vicenda piscina, nel periodo elettorale (i conflitti bellici lasciamoli stare). Qualche lettore, giorni fa, ci esortava a indagare. Facilissimo. Esiste solo quel risibile cartello documentato anche da un video che ha spopolato in rete. A Riatri, Spianate, si sognano questo progetto faraonico, una cattedrale nel deserto, anzi direi che stavolta è proprio sulla carta o nell’immaginazione dei progettisti. Vasche olimpioniche, più piccole, per ragazzi, fitness, palestre, massaggi, spogliatoi, cucine, ristoranti, bar, spazi ricreativi e fuori, udite udite, ombrelloni e sdraio durante l’estate, con percorsi d’acqua mossa stile Acquafan e sabbia vera scaricata chissà da dove. Copertura telescopica invece in inverno. Certto, ora c’è solo il cartello, ma aspettate e vedrete. La pazienza è una virtù sempre più rara, cari altopascesi che pretendete tutto e subito. A fine gennaio 2011 mega conferenza stampa di presentazione. A marzo 2011, un certo candidato a sindaco che poi sta facendo di nuovo il primo cittadino, promise che entro le votazioni ci sarebbe stata la posa della prima pietra. Forse ci si riferiva alle amministrative del 2016 nella cittadina del Tau. Marchetti si deve sbrigare, altrimenti a forza di attendere va a finire che la piscina la inaugura qualcun altro.

Advertising