Fare sport a Altopascio? Mancano le strutture

da
Advertising

Le strutture sportive pubbliche a disposizione di tutti? Non così a Altopascio dove lo stadio comunale è da anni monopolio di una società sola. La convenzione con il Municipio del Tau le consente questo utilizzo praticamente esclusivo. E’ verissimo che tale sodalizio svolge un ruolo anche sotto il profilo sociale perché fa giocare a calcio molti ragazzi, togliendoli dalle insidie della strada o di altri luoghi pericolosi. Benissimo. Nessuno disconosce questa funzione se vogliamo educativa. Però almeno un giorno alla settimana sarebbe opportuno liberare il campo sportivo e consentire a chi lo desidera di giocare a pallone, ovviamente non sul prezioso sintetico altopascese oppure di fare atletica. Negli anni Settanta ed Ottanta si svolgevano i giochi della Gioventù sulla pista. Questo per dimostrare che qualche anno fa era  possibile coniugare altre discipline con il calcio, pure allora presente. In una realtà di 15 mila abitanti in cui manca un palazzetto dello sport (c’è a Porcari, 9 mila abitanti, metre la squadra di C del Bama Altopascio deve disputare le partite in casa a Ponte Buggianese, paese di 6 mila residenti), niente piscina, niente di niente. Persino la campionessa mondiale di pattinaggio si deve allenare da altre parti.

Advertising