Omissione di soccorso, individuato responsabile

da
Advertising

Voleva sottrarsi alle sue responsabilità. Alla guida di una Fiat Panda con il figlio al seguito, investiva una donna e dopo un breve litigio con la figlia dell’anziana, ripartiva a forte velocità senza attendere i soccorsi, senza verificare le condizioni dell’investita e senza aspettare le forze dell’ordine. Dovrà rispondere di fuga con sinistro stradale e feriti e omissione di soccorso ai sensi dell’articolo 189 del Codice della Strada e di lesioni colpose personali (articolo 590 del codice penale) l’uomo di 62 anni residente nella Piana che nei giorni scorsi aveva investito una signora di Chiesina Uzzanese nel parcheggio nei pressi di un centro commerciale di Altopascio, facendo retromarcia. Le persone presenti gli picchiavano sul parabrezza per fargli presente l’accaduto ma lui niente. L’incidente si era verificato nei giorni scorsi e nel frattempo le indagini dei vigili urbani altopascesi hanno avuto esito positivo. Gli agenti della municipale rintracciavano il proprietario dell’utilitaria, la moglie del sessantaduenne, la quale confermava che sulla vettura quel giorno si trovava il coniuge. Preziosa la collaborazione dei testimoni che, attraverso un riconoscimento fotografico all’americana, individuavano il responsabile.

Advertising