Marocchino aggredisce donna incinta poi spacca un posacenere in testa a titolare di un bar

da
Advertising

Chissà quale raptus gli è preso. Prima ha cercato di aggredire, picchiandola  una donna incinta poi aggredisce un negoziante inveeendo contro l’Italia e contro gli italiani.  E’ accaduto nel centro di Altopascio. I fatti. Un extracomunitario di nazionalità marocchina di 30 anni, avvicina una ragazza in stato interessante in via Gavinana, forse per rubarle qualcosa o peggio visto che l’uomo avrebbe tentato di sfilarle i vestiti. La donna chiede aiuto e immediatamente interviene la pattuglia pronto intervento dei vigili urbani che si trovava, per fortuna, in zona. L’uomo, inseguito anche dal fratello della ragazza, viene fermato e portato al comando in via Bientinese. Per le percosse non è previsto l’arresto, dunque dopo le formalità di rito e dopo la notifica della denuncia, il maghrebino viene rimesso in libertà. Il tempo di attraversare la strada e quest’ultimo entra nel bar Crazy Horse, comincia ad inveire contro tutti e spacca un portacenere nella testa del malcapitato titolare, che viene ferito seriamente alla testa (prognjosi di 30 giorni).  Allora la polizia municipale, con il capitano Italo Pellegrini e l’agente Fabrizio Michelotti, interviene di nuovo e lo arresta. Convalidato l’arresto. Il processo si svolgerà tra una decina di giorni.

 

Advertising