Sindacati in piazza contro aumento Imu ad Altopascio. Marchetti: “Costretti all’aumento”

da
Advertising

Un volantinaggio è previsto per giovedì mattina al mercato di Altopascio da parte dei sindacati, per criticare la scelta della giunta di aumentare l’Imu, con l’aliquota della prima casa che passa dal 4 al 5,5 per mille. Puntuale arriva la replica del sindaco Marchetti con un comunicato:

“Credo che l’ira i sindacati sia meglio che la riservino per altre questioni che non l’Imu di Altopascio. Certo, non è l’aliquota che avremmo voluto applicare, non fosse altro per un motivo personale : tutti noi siamo residenti a Altopascio e l’Imu la paghiamo per primi. E’ evidente che i sindacati, che comunque abbiamo sempre informato passo dopo passo delle nostre intenzioni, sfruttino l’occasione – dichiara Marchetti – per fare opposizione politica, altrimenti avrebbero fatto il volantinaggio prima davanti tanti altri enti che tassano e spremono i cittadini e le imprese  al massimo. Il comune di Altopascio per la prima volta è dovuto ricorrere a un aumento di tassa per compensare l’aggressione al bilancio comunale operata dal governo Monti, che ha tagliato 1 milione 963mila euro di trasferimenti, obbligando di fatto il comune a reperire questi fondi in altro modo. Del resto siamo in buona compagnia : Regione Toscana e  Provincia di Lucca hanno messo da anni al massimo le proprie tasse. Queste però non vengono criticate e allora si capisce che l’atteggiamento dei sindacali è strumentale. Per fare un’analisi seria  bisognerebbe valutare tutto quanto: la spesa sociale che è elevata e in aumento , i fondi anticrisi che abbiamo messo in bilancio, il costo dei servizi comunali, con le  mense e trasporti scolastici, l’asilo nido che sono i più bassi di tutti gli altri comuni della provincia. Inutile poi appigliarsi alla modifica rispetto al documento del giugno scorso. E’ proprio questa la migliore risposta : se ce lo avessero concesso, avremmo lasciato al 4 per mille l’aliquota. Quello che è successo dopo a livello nazionale ci ha obbligato a rivedere l’imposta”. 

Advertising