Un soluzione per il passaggio a livello di Altopascio

da
Advertising

searchIl treno veloce come metropolitana di superficie. Ottimo il raddoppio della linea Pistoia-Lucca per sostituire le auto, tutelare l’ambiente, ma è necessario risolvere la questione del passaggio a livello di Altopascio, come da noi anticipato. Il sindaco della cittadina del Tau, Maurizio Marchetti, ha già informato Rete Ferroviaria Italiana e Regione della soluzione adottata dal Municipio a livello di futura pianificazione urbanistica: una specie di percorso a “U” che bipassi le sbarre sfruttando lo spazio di fronte tra via Regina Elena e il sottopasso autostradale. “E’ un modo per risolvere la questione che è particolarmente difficile perché presenta problemi di spazi, dislivelli, vicinanza di attività produttive ed abitazioni e che si interseca con la strada che transita sotto la Firenze-Mare – commenta il primo cittadino – con un passaggio a livello in pieno centro. Sul nostro territorio ne sono stati già eliminati 7 in passato, 4 a Marginone (Ribocco, Ponte alla Ciliegia, Mammianese e Tassinaia) e 3 a Badia Pozzeveri. Ma questo presenta peculiarità diverse. Altopascio ha trovato una formula intermedia tra l’interramento, che sarebbe l’ideale ma rimane utopia per i costi esorbitanti e la proposta di Ferrovie del muro. Diciamo fermamente ad una Berlino 2, con divisione fra la zona est e quella ovest; inoltre abbiamo sempre privilegiato il passaggio comunque dei veicoli”. Un’opera del genere da chi dovrà essere finanziata ? Marchetti non ha dubbi: “Disponibili al confronto e all’affinamento della fase progettuale esecutiva ma le risorse bisogna che siano altri Enti e reperirle, magari RFI e Regione stessa. Ricordo a tutti – chiosa il sindaco altopascese – che l’amministrazione comunale ha già fatto molto, recuperando la stazione, con il punto ricettivo, la sala di attesa, altrimenti sarebbe un rudere abbandonato”.

Advertising