A gennaio scatta la solidarietà all’Ondulati Giusti

da
Advertising

searchA partire da gennaio 2016 alla Ondulati Giusti di Altopascio scatta la solidarietà, ammortizzatore sociale che scongiura la cassa integrazione. 40 ore mensili, due giornaliere, con 4 turni di sei ore anziché 3 da 8 ma solo nei reparti magazzino e produzione con gli addetti ai macchinari: esclusi ad esempio gli uffici e i settori amministrativi del noto cartonificio che ha uno stabilimento anche a Sesto Fiorentino. L’accordo è stato siglato in Provincia ai nuovi titolari dell’azienda, il gruppo Pro Gest di Treviso subentrato alla vecchia proprietà e dei sindacati. Il provvedimento avrebbe potuto scattare anche prima, ma servono per legge 30 giorni per l’attuazione della misura, pertanto si sarebbe andati a ridosso delle festività natalizie. Nel nuovo anno dunque si parte con questa soluzione sperimentale, con l’intesa tra le parti che se vi fossero correzioni da apportare, ciò sarà possibile entro qualsiasi momento. “Rinunciare a qualcosa tutti ma con la possibilità di lavorare comunque perdendo un centinaio di euro netti rispetto allo stipendio mensile – analizza Fabio Guerri dell’organizzazione sindacale Fistel Cisl – una decurtazione ridotta rispetto ad altre forme. In questi giorni faremo delle assemblee con i lavoratori per spiegare bene la ratifica di questa possibilità”. Sono circa 190 i dipendenti della fabbrica della cittadina del Tau, ubicata all’uscita dell’autostrada. Da tempo c’è l’ok per il concordato preventivo, anche se l’assemblea dei creditori è stata rinviata a marzo 2016. Nelle scorse settimane vi furono scioperi ed un presidio davanti alla sede dell’azienda altopascese. A fine 2014 molte le proteste da parte dell’indotto.

Advertising