Ex campione di ciclismo investito da pirata della strada

da
Advertising

Gianneschi 3Era soprannominato lo scoiattolo. Animale piccolo ma tenace e resistente. Anche Mauro Gianneschi è piccolo di statura. Ha resistito alle fatiche di uno sport duro come il ciclismo dei tempi eroici, alle prove della vita, ancora in perfetta forma (in bici per chilometri tutte le settimane), ma è stato messo ko da un pirata della strada. Altopascio è scossa e turbata dal gravissimo incidente in cui è rimasto coinvolto Mauro Gianneschi, ex campione di ciclismo. 85 anni ben portati ma con un passato da ottimo scalatore, vincitore di una tappa al Giro d’Italia del 1954, la Cesenatico-Abetone. Fu prezioso alleato di Coppi, anche quando il Campionissimo vinse il Mondiale a Lugano con Gianneschi undicesimo. Nativo di Ponte Buggianese, abita nel Comune di Altopascio in località Chimenti sulla via Romana. Uno scooter lo ha travolto sul ciglio della strada mentre stava cercando di recuperare un piccolo cane, lui ne ha già 4 ed è molto sensibile agli animali abbandonati. Il centauro però non si è fermato, ha rallentato, osservando il corpo esanime dell’anziano che ha sbattuto la testa in modo violento sull’asfalto e subito è ripartito. Un pirata della strada a tutti gli effetti. Una donna al volante di un’auto che si arrivava dietro ha lanciato l’allarme e ha descritto alla polizia municipale intervenuta le caratteristiche fisiche della persona che guidava il ciclomotore e quelle tecniche di quest’ultimo. Per rintracciare il pirata, osservate anche le immagini delle telecamere di sorveglianza poco più avanti. Dove si è verificato il sinistro è una zona invece buia. Gianneschi si trova attualmente in condizioni gravissime all’ospedale di Cisanello a Pisa, in rianimazione.

Advertising