Dibattito in tv tra i candidati a sindaco, come sono andati?

da
Advertising

searchSbarcheranno nella zona industriale di Altopascio due grandi aziende che, dopo la Celtex, arriveranno a riqualificare un’area sinora abbandonata. Lo ha dichiarato il sindaco Marchetti durante la trasmissione televisiva “Dido” sull’emittente Noi-Tv. Come ha spiegato il conduttore Egidio Conca, non si trattava di un vero match elettorale in vista delle amministrative del 12 giugno, poiché ancora molto lontani, ma un preliminare visto che erano presenti i tre candidati a sindaco, Francesco Fagni per il centrodestra, attuale vicesindaco ed assessore; Sara D’Ambrosio per il centrosinistra e Matteo Tori per la lista civica Liberaltopascio, quest’ultimi due all’opposizione in questo civico consesso. Presente anche lo stesso primo cittadino e ciò ha alimentato qualche battuta ironica tra i telespettatori intervenuti via sms. Tori ha fatto i complimenti a Sara D’Ambrosio per la sua recente laurea e più volte i due hanno concordato su diversi temi: utopia piscina, mancanza palazzetto, necessità di rivitalizzare il centro, sicurezza. Qualcuno ci ha voluto leggere una Santa alleanza in vista dell’eventuale ballottaggio. Chissà. Più emozionata, comprensibilmente, la rappresentante del Pd che sarebbe la prima donna sindaco altopascese dal 1881, più esperti di fronte alle telecamere gli altri. Polemiche con tanto di urla a metà trasmissione stile consiglio comunale tra Tori e Marchetti e dibattito serrato su certe assunzioni, sugli investimenti nella scuola, quella Media andrebbe rifatta ad esempio. La D’Ambrosio stile Hillary Clinton, calma e composta, vorrebbe creare un team di persone capaci di intercettare risorse sovracomunali ed europee, con bandi complicati ma anche potrebbero liberare finanziamenti. Marchetti novello… Trump invece ha calato l’asso, parlando alla pancia della gente: “Ma come mai non si menziona mai la statistica di Bankitalia che Altopascio ha le tasse più basse di tutti?”. Solo che qui non siamo in Iowa, ma a Altopascio.

Advertising