Confronto candidati Altopascio

da
Advertising

Ogni candidato alle prossime amministrative di Altopascio, nel confronto pubblico al teatro Puccini,   in diretta sull’emittente Noi-Tv e con la collaborazione del sito “Lucca in diretta” e del quotidiano La Nazione, si è giocato il jolly nel finale. Sara D’Ambrosio, candidata per il Pd e “Viviamo Altopascio” ha promesso che in caso di vittoria taglierà le indennità di sindaco ed assessori risparmiando decine di migliaia di euro da impiegare su altre esigenze;  Francesco Fagni (Insieme per Altopascio con Lega Nord e Fratelli d’Italia a sostegno) ha messo sul piatto l’eliminazione del passaggio a livello sulla via Romea alla luce di una riunione di mercoledì mattina in cui i tecnici e progettisti del raddoppio della linea Pistoia-Lucca hanno confermato la possibilità di bipassare l’ostacolo; Ferruccio Del Sarto per “Il Futuro di Altopascio”, aplomb british senza alzare la voce e i toni,  ha lanciato l’idea di uno sportello per il lavoro e di una società per la riscossione dei tributi; Matteo Tori di Liberaltopascio con il sostegno di Lega Toscana, ha evidenziato difficoltà contabili palesate dalla Corte dei Conti ribadendo, a livello programmatico, la necessità della rotatoria del Turchetto. Un folto pubblico ha riempito la platea e la galleria della struttura dove erano assiepati supporter e candidati delle varie liste. Decibel in rialzo sulla questione dell’oasi lacustre del Sibolla, con Tori il quale ha sottolineato lo stato di abbandono e di degrado di quell’ecosistema che presenta specie botaniche rarissime, con la replica dell’attuale vice sindaco impostata sul fatto che l’area era gestita dall’ormai ex Provincia. Fagni, buon attaccante nella squadra di calcio del Tau in Promozione, ha dovuto spesso trasformarsi in… difensore per arginare le sciabolate di Sara D’Ambrosio, emozionata in avvio ma più grintosa quando il dibattito è entrato nel vivo

Advertising