EMERGENZA FREDDO NELLE SCUOLE DI ALTOPASCIO RISCALDAMENTO ACCESO DALLE 4 DI MATTINA

da
Advertising

Altopascio, 11 gennaio 2017 – Fino a quando l’emergenza freddo non passerà il riscaldamento nelle scuole di Altopascio sarà attivo dalle 4 di mattina, sabato e domenica compresi. È questa la decisione dell’amministrazione comunale per rispondere al brusco calo di temperature, garantendo così ambienti caldi agli studenti del territorio. Nei giorni scorsi, infatti, al rientro dalla pausa natalizia, anche in alcuni istituti si sono registrati casi di mal funzionamento degli impianti di riscaldamento. La straordinaria situazione climatica e alcune avarie a singole fonti di colore hanno lasciato, nonostante che il Comune avesse programmato l’accensione delle caldaie già per sabato 7 e domenica 8 gennaio, alcuni locali al freddo. Da subito gli operai comunali e il gestore degli impianti hanno svolto sopralluoghi nelle scuole, per monitorare la situazione e risolvere gli eventuali guasti. «Mi sono recata personalmente – spiega il Sindaco Sara D’Ambrosio – alla scuola media “G. Ungaretti” per verificare l’entità del problema e contattare chi di dovere. La situazione è monitorata e sotto controllo: in questi giorni gli operai stanno girando negli edifici scolastici e complessivamente le classi e gli ambienti di studio e di lavoro stanno tornando caldi. Ci vorrà più tempo, invece, per ripristinare una temperatura accettabile nelle zone ampie e di collegamento, come gli ingressi e i corridoi, dove solitamente c’è più freddo, ma è solo questione di giorni. Vorrei infine rassicurare i cittadini che non c’è alcuna volontà di risparmiare sulla pelle degli studenti, degli insegnanti e del personale scolastico: l’amministrazione ha stipulato un contratto con la ditta che si occupa del riscaldamento nelle scuole, stabilendo un importo forfettario per l’orario di accensione degli impianti. Allungando l’orario di quattro ore, pagheremo la differenza al gestore, come è normale che sia, ma non ho esitato un attimo nel prendere questa decisione».

Advertising