Altopascio: MENSA E TRASPORTO SCOLASTICO, CAMBIANO LE TARIFFE

da
Advertising

Con l’introduzione delle nuove fasce Isee aumenteranno le agevolazioni per le famiglie

Altopascio, 16 gennaio 2017 – Mensa e trasporto scolastico: da settembre ad Altopascio si pagherà meno. Diminuisce, infatti, il costo per la refezione scolastica e per il trasporto e aumentano le agevolazioni per le famiglie, così come previsto dal bilancio di previsione, approvato dalla giunta D’Ambrosio a inizio anno. Con l’introduzione dei buoni mensa elettronici spiega il Sindaco Sara D’Ambrosio abbiamo rivisto anche le soglie di contribuzione Isee. Chi prima non rientrava nella fascia minima pagava direttamente la tariffa piena, indipendentemente dalla propria situazione economica e reddituale. Ora non è più così. Si tratta di una scelta forte e importante, che va nella direzione di una maggiore equit: la distinzione attuale consentirà a molte famiglie di risparmiare in fondo all’anno qualche centinaia di euro sulla mensa e sul trasporto e questo ci sembra fondamentale.

Quello che abbiamo compiuto non solo un mero risparmio: la scelta va letta in un’ottica più ampia, che comprende la scuola, ma anche e soprattutto il sociale, di sostegno ai cittadini, di aiuto alle situazioni di difficoltà. Il comune deve porsi come entità malleabile, capace di rispondere in tempi rapidi alle questioni sollevate dai propri abitanti: ecco perché nel primo bilancio vero e proprio della nostra amministrazione abbiamo subito messo mano alle tariffe. Rispetto al passato, quando per il servizio di refezione scolastica erano previste solo due tariffe (1 euro fino a 6mila euro di Isee; 3,50 euro oltre i 6mila euro), oggi ce ne sono ben cinque.

Resta invariato il contributo minimo di 1 euro per la fascia da 0 a 6mila euro di reddito annuo, mentre da ora in poi il prezzo pieno (3,50 euro per pasto), dovrà essere versato solo da coloro che dichiarano un Isee superiore a 22mila euro. Il pranzo costerà 2,70 euro per le famiglie con Isee compreso tra 6 e 10mila euro; salirà a 3,10 per la fascia reddituale 10-18mila euro e arriverà a 3,30 per quella compresa tra 18mila e 22mila euro. Le nuove fasce Isee riguardano anche i contributi annuali per il trasporto scolastico, che saranno di 60 euro (fino a 6mila euro), 170 euro (da 6 a 10mila euro), 190 euro (da 10 a 18mila euro), 210 euro (da 18 a 22mila euro) e 240 euro (oltre 22mila euro). La nuova tariffazione aggiunge l’assessore alla scuola, Ilaria Sorini, diventerà operativa dal prossimo anno scolastico. Subito, invece, cambierà la spesa per quanto riguarda l’asilo nido comunale Primo volo: a febbraio parte la sperimentazione per il tempo prolungato, con uscita alle 16,30 e non pi alle 14,30. Per le famiglie che hanno scelto il nuovo orario ci sar una variazione nel costo della retta: 200 euro per un Isee compreso fra 0 e 5mila euro; 240 euro per un Isee fra 5001-10.000, che arriver a 275 euro per un indicatore annuo fino a 20mila euro e a 320 euro per un Isee superiore. Il prolungamento dell’orario rappresenta una novit di portata storica: da una parte, infatti, risponde alle necessit dei molti genitori che da tempo avevano posto la questione all’attenzione degli amministratori comunali; dall’altra consentir al nido di incrementare le opportunit educative a favore dei bambini.

Advertising