Altopascio investe nella sicurezza: arrivano le telecamere ad alta tecnologia

da
Advertising

Verranno sostituiti gli apparecchi installati diventati ormai obsoleti. Saranno interessate anche tutte le frazioni  

ALTOPASCIO. Nuove telecamere in arrivo, dislocate in varie zone di Altopascio per prevenire furti e scippi. È uno dei punti più importanti del “pacchetto” sulla sicurezza messo a punto dall’amministrazione guidata dal sindaco Sara D’Ambrosio che sarà presentato nei prossimi giorni.

Si tratta di apparecchiature “smart” in grado di dare l’allarme soltanto quando si verificano movimenti sospetti e gesti insoliti nelle zone videosorvegliate. Ad esempio, se qualcuno fa il gesto di rompere un vetro di una macchina, oppure l’azione veloce di scippo di un portafoglio. E in grado di contrastare anche i vandalismi. Il Comune, con un notevole investimento derivante da risorse proprie, intende potenziare il sistema di videosorveglianza con nuove telecamere e un adeguamento delle vecchie. Le novità saranno due: la prima è che le telecamere saranno posizionate all’ingresso del paese e delle frazioni (Spianate, Badia e Marginone) per un controllo più diffuso e capillare del territorio. L’altra novità è la sostituzione di alcune apparecchiature già attive con telecamere di nuova generazione.

Telecamere pronte a registrare tutto quello che accade 24 ore su 24, con immagini ad alta definizione e in grado di mettere a fuoco anche di notte. Il numero dei nuovi “occhi elettronici” è in fase di definizione, ma saranno almeno una decina, nei vari punti sensibili presenti sul territorio. L’installazione sarà realizzata nei primi mesi del 2017 e darà la possibilità alla polizia municipale e ai carabinieri di essere avvisati in diretta e vedere chiaramente chi compie un’azione scorretta.

E, per rimanere in tema di sicurezza, l’anagrafe di Altopascio dialogherà con le forze dell’ordine. Recentemente i servizi demografici del Comune hanno sottoscritto una convenzione con i carabinieri di Altopascio che permetterà ai militari di accedere, 24 ore su 24, alla banca dati. Uno dei primi atti sulla sicurezza della sindaca Sara D’Ambrosio è stato l’incremento del numero degli agenti di una unità, portando l’organico a 10 persone rispetto alle 9 degli anni passati. E in linea con la riorganizzazione generale del servizio di polizia municipale è da leggersi anche la decisione di cambiare l’orario di apertura al pubblico dei vigili.

Advertising