Il vino locomotiva dell’agroalimentare toscano. Rossi: “Crescono anche i lavoratori” – Dettaglio notizia – Toscana Notizie

da
Advertising

FIRENZE – “Auguri di buon affari a tutti, agli imprenditori e alla Toscana”. Perché il vino è la Toscana. Anche il presidente Enrico Rossi interviene, con una videochiamata skype, alla presentazione di Anteprime 2017, l’evento che parte dalla Fortezza da Basso  di Firenze, in contemporanea con il Buy Wine, e proseguirà poi nei territori alla scoperta dei sedici consorzi vitivinicoli della regione.

“Eventi di promozione come questi – sottolinea – sono importantissimi, per un settore come quello vitivinicolo che peraltro non cresce solo in fatturato ma conta in Toscana 25 mila addetti, cresciuti in dieci anni, nonostante la crisi economica, del 5 per cento”. Rossi accenna al pedigree blasonato della sua regione, ai quattro consorzi (Chianti, Carmignano, Rufina e Val d’Arno di Sopra) che hanno appena festeggiato nel 2016 i trecento anni dalla prima denominazione di origine al mondo, quando le Doc ancora non esistevano, parla del  vino toscano che è un’eccellenza mondiale e dell’interesse che nel mondo c’è per il vino  della Toscana, con il ritorno quest’anno al Buy Wine, il “Vinitaly” fiorentino.  di compratori dalla Russia e l’arrivo addirittura di operatori dal Kazhakistan e da altri paesi asiatici in crescita.

“La Toscana è vino – racconta un’imprenditrice nel video realizzato dalla Fondazione Sistema Toscana  e proiettato sul grande schermo – Ovunque c’è qualcosa che parla del vino, che storicamente appartiene ai toscani”. La Toscana sicuramente è tradizione, ma se riesce ancora ad imporre il suo stile è perché continua anche ad innovare. In fondo quando è nata la tradizione era innovazione e di fatto, in una lenta linea di movimento, non si è mai fermata. Innovare dunque e fare squadra, “perché – la sintetizza così l’assessore all’agricoltura, Marco Remaschi – la Toscana è un brand straordinario dove al suo interno ogni territorio può trovare la sua dimensione”.

“Occorre investire sulla promozione – dice -, occorre investire nei campi reimpiantando e sostituendo le viti più vecchie ed occorre investire in cantina”. Va fatto per migliorarsi o anche per fronteggiare ad esempio i cambiamenti climatici, che  – raccontano gli addetti ai lavori – hanno portato ad un innalzamento del grado alcolico delle produzioni. “Ma  che occorranvestire i produttori toscani lo sanno bene  – conclude Remaschi – e da anni hanno puntato sulla qualità dei prodotti , che alla fine paga. Il vino è la locomotiva dell’agricoltura  e dell’agroalimentare toscano. Uniti si può vincere  e per le sfide più importanti che ci attendono in prospettiva ci sono ancora un po’ di risorse del piano rurale regionale da impiegare”.  Tutti assieme.

 

IL FOTOSERVIZIO
A questo indirizzo, https://goo.gl/photos/DBtnmTaTmr7VLMJS7,  il racconto della due giorni del Buy Wine e Anteprime di Toscana attraverso le immagini di Toscana Notizie (scatti di Simone Cresci)

Fonte Regione Toscana

Advertising
Advertisements