[Regione Toscana] Saccardi di nuovo sulle zone distretto: “La riforma in atto potenzia i territori” – Dettaglio notizia – Toscana Notizie

da
Advertising

FIRENZE – “Le dichiarazioni del consigliere Mugnai, che definisce “proposta monstre” la pdl 154 sulle nuove zone distretto e quelle del sindaco di Grosseto, che parla di “marchingegno architettato unilateralmente dalla giunta regionale per depotenziare Grosseto”, sembrano non voler capire il senso della riforma in atto”. L’assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi torna di nuovo sulla questione delle zone distretto, sollecitata da nuove dichiarazioni del sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, e del consigliere di Forza Italia Stefano Mugnai.

“La pdl 154 sulle nuove zone distretto – chiarisce l’assessore – va compresa in un quadro complessivo che la lega alla legge regionale 84/2015, che ha tagliato da 12 a 3 il numero delle aziende sanitarie, quindi ha ridotto i centri decisionali, tagliando i costi (non solo per il fatto che sono rimasti solo 3 direttori generali, ma sopratutto per le economie di scala di un’unica gestione amministrativa per ogni nuova Asl) e migliorando la capacità di programmazione. Come bilanciamento è stato previsto un potenziamento dei territori, attraverso le zone distretto, come mai era stato in passato”.

“Per questo il nuovo articolo 64 della legge regionale 40/2005 sul sistema sanitario regionale (modificato dalla legge 84/2015) – spiega ancora Stefania Saccardi – prevede che siano assegnate nuove e importanti funzioni alle zone distretto che rappresentano l’ambito territoriale ottimale di valutazione dei bisogni e di organizzazione ed erogazione dei servizi inerenti alle reti territoriali sanitarie, sociosanitarie e sociali integrate, oltre a gestire la continuità e le risposte territoriali della integrazione sociosanitaria, compresi i servizi per la salute mentale e le dipendenze e della non autosufficienza”.

“Il punto politico è: come dare gambe al nuovo ruolo e alle nuove funzioni che le zone distretto dovranno ricoprire nel sistema sanitario regionale toscano? – è la questione che pone l’assessore – Come dare maggior peso alle zone e ai loro territori? Sicuramente le zone distretto dovranno avere autonomia, anche di budget, rispetto alle Asl, ma questo, pur necessario, non è sufficiente. Servono anche dimensioni adeguate a generare economie di scala, ma soprattutto a sviluppare le competenze necessarie per valutare i bisogni, programmare gli obiettivi ed erogare i servizi. La questione vera è che, già oggi, le piccole zone non sono in grado di fornire le risposte necessarie ai cittadini. Le zone devono essere vicine, anche tramite i propri amministratori, ai cittadini, ma insieme devono anche essere in grado di avere le risorse e le competenze per rispondere alle loro esigenze”.

“Per questo con la nuova pdl 154 – conclude Saccardi – le zone passano da 34 a 26, a seguito di un percorso fatto da Anci su tutti i territori. Sono anche previsti specifici incentivi per i primi anni delle nuove zone che derivano dall’accorpamento. E’ bene, però, ribadire che accorpare le zone è, prima di tutto, un modo per ridurre i costi amministrativi e investire maggiori risorse sui servizi, questo a vantaggio, sopratutto, delle zone più piccole. L’unione servirà per gestire meglio anche il Fondo sociale europeo, con tutte le risorse in gioco”.

Fonte Regione Toscana

Advertising
Advertisements