Firenze Estate e cultura, Grassi, Trombi e Verdi (Frs): "Trasparenza, maggiori controlli e fondi pubblici calibrati sul valore dei progetti realizzati"

da
Advertising

“Estate fiorentina? Dopo due anni della kermesse firmata Nardella forse è il caso di rimodularla. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità degli interventi degli operatori culturali. Sia costituito un ufficio unico per l’estate, che riunisca il personale delle direzioni comunali coinvolte dallo sviluppo economico, all’ambiente e alla cultura. E’ necessaria un’attività congiunta a supporto dei soggetti coinvolti”. Così Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, lancia un’idea, insieme ai consiglieri del gruppo Giacomo Trombi e Donella Verdi. E spiega: “Serve uno sforzo in più. In particolare ci vuole maggiore trasparenza sui progetti, con la pubblicazione delle proposte vincitrici dei contributi o delle agevolazioni comunali, con conseguente controllo sull’effettivo svolgimento delle attività così come proposte”.

“Poi suggeriamo – continuano Grassi, Trombi e Verdi – per una gestione oculata dei fondi economici, che non siano finanziati alcuni progetti per due volte tramite concessione di spazi e di contributo mentre altri rimangono senza alcun supporto. Accanto ad aspetti legati strettamente alla formulazione del bando è indispensabile che il Comune dia tempi certi ogni anno per la sua pubblicazione e altrettanta certezza sull’erogazione dei fondi economici, cancellando una volta per tutte l’incertezza fino all’ultimo secondo. Per questo abbiamo depositato nelle settimane scorse ben sei mozioni che affrontano e propongono idee per le future attività estive e culturali a Firenze”. E per gli spazi in riva all’Arno? Il capogruppo spiega: “Accordarsi con la Regione Toscana per la gestione delle aree. I bandi siano fatti dal Comune, con durata triennale, come le altre aree concesse. Dobbiamo rimuovere la discrasia esistente. I nove anni della durata delle gare regionali contrastano con gli intenti dell’amministrazione comunale”.

“Inoltre sarebbe l’ora di trovare una soluzione che possa porre fine a progetti faraonici – concludono gli esponenti di opposizione – che una volta valutati si trasformano in ben altro, dopo la riformulazione chiesta dal Comune per la diminuzione del contributo concesso rispetto alle richieste economiche iniziali”. (fdr)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising