[REGIONE UMBRIA] TERREMOTO: “ACCELERARE RISTRUTTURAZIONE E POTENZIAMENTO DELL'OSPEDALE DI NORCIA” – LIBERATI E CARBONARI (…

da
Advertising

(Acs) Perugia, 20 febbraio 2017 – “La Giunta regionale spieghi a che punto sono le pratiche per la ristrutturazione dell’ospedale di Norcia e del distretto sanitario e i tempi previsti per l’ultimazione dei lavori. Chiarisca inoltre se è prevista la costruzione di una nuova ala, più idonea e funzionale, per ospitare i reparti delle degenze in una zona altamente sismica”. Lo chiedono i consiglieri regionali Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari (M5S), annunciano la presentazione di una interrogazione urgente all’Esecutivo di Palazzo Donini motivata dalla valutazione che “la comunità di Norcia nutre legittime e forti preoccupazioni rispetto al fatto che le ricadute sismiche sulla struttura possano costituire un pretesto per la chiusura definitiva del nosocomio”.

Nell’atto ispettivo Liberati e Carbonari domandano anche “per quale ragione nell’ala nuova già esistente siano stati trasferiti gli uffici del distretto sanitario e gli ambulatori, anziché le degenze, consentendo il proseguimento, almeno in parte, dell’attività ospedaliera. Se sia prevista anche una riorganizzazione logistica temporanea più dignitosa per i medici di famiglia e per i loro pazienti”. I consiglieri regionali di opposizione sottolineano poi che “da settembre 2016, giace senza risposta una interrogazione M5S in merito a richieste statistiche relative a ospedali e scuole umbre, loro grado di resistenza al terremoto, analisi di vulnerabilità eventualmente effettuate, anno di costruzione”.

Nell’interrogazione viene spiegato che “a seguito del terremoto del 26 ottobre, l’ospedale di Norcia è stato dichiarato inagibile ed evacuato in via precauzionale e i pazienti trasferiti nelle strutture ospedaliere di Foligno e Spoleto. La chiusura dell’ospedale costituisce un ulteriore deterrente alla rinascita di una comunità fortemente colpita dal sisma, rimasta logisticamente isolata per lungo tempo, scoraggiando le persone a restare in loco, private anche dei servizi sanitari essenziali. L’11 gennaio la Asl2 ha disposto il trasferimento altrove di letti e altri arredi dell’ospedale di Norcia, operazione che ha suscitato estrema disapprovazione nell’amministrazione locale e nella cittadinanza. L’assessore regionale alla Sanità – concludono – ha tuttavia dichiarato alla stampa che non esisterebbe alcuna volontà di depotenziamento, ma si tratterebbe di fase transitoria legata a opere di ristrutturazione rese necessarie dallo status di inagibilità della struttura”. MP/

Fonte: Regione Umbria

Advertising