BOLZANO – Citt di Bolzano – Rose bianche per ricordare i fratelli Scholl

da
Advertising

Rubrica: 
[Cultura] 
[Giovani e sport] 
[Manifestazioni ed eventi] 
[Quartieri] 
[Varie] 

Hans e Sophie, barbaramente uccisi dai nazisti nel 1943 per il loro impegno contro il regime, ricordati dal Sindaco Caramaschi

In occasione dell’anniversario della morte dei fratelli Scholl
uccisi a Monaco di Bavieranel 1943 dai nazisti per il loro
impegno contro il regime, stamane si tenutauna
cerimonia commemorativa, con deposizione diun mazzo
dirose biancheda parte del Sindaco di Bolzano Renzo
Caramaschiin piazzapiazza Hans e Sophie Scholl a ponte
Roma all’angolo conviale Trieste.
Il 22 febbraio 1943 a Monaco venivano giustiziati dai nazisti due
ragazzi: i fratelli Hans e Sophie Scholl. Eranoattivisti
della “Rosa Bianca” unmovimento studentesco
antinazista.I due fratelli erano stati ritenuti responsabili
di gravi azioni di propaganda e attivit di sabotaggio
contro il regime e, dopo unprocesso sommario,
furonobarbaramente giustiziati.
Nell’ anniversario della loro morte, il Sindaco Caramaschi che ha
annunciato l’ntezione dell’ amministrazione comunale di
realizzare un degno monumento dedicato ai fratelli Scholl da
collocare nella piazza a loro intitolata,ne ha voluto
ricordare il sacrificio sottolineandone l’attualit del
messaggio.
“Due giovani vite, due fratelli, che hanno difesogli
ideali di pace,libert, democrazia e giustizia pagando
con la propriavita. Hannoavuto il coraggio di gettare
dei volantini contro la guerra. Erano due ragazzi, ferventi
cattolici, che speravano all’epoca in una Germania diversa, quella
della cultura, quelladi Goethe, diSchiller dei
grandimusicisti, mentrenoi oggi vogliamosperare e
crederein un Europa diversa. Credo che esempi come quello dei
fratelli Scholl -ha detto Caramaschi-debbano essere
divulgatianchenelle scuole per essere compresi e
condivisi soprattutto dai pi giovani”.
Alla cerimonia di stamanehannopartecipato anche
l’Assessore comunale Luis Walcher, il presidente del Quartiere
Gries-S.Quirino Giulio Righele, rappresentanti dell’ANPI
provinciale e del Centro per la Pace del Comune ealcuni
giovani studenti bolzanini.

Advertising