Firenze Villa Fabbricotti, Grassi: "A che gioco gioca il Pd in Regione Toscana? Respinge una richiesta all'unanimità del Consiglio comunale di Firenze"

da
Advertising

Questo l’intervento del capogruppo di Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi

 

“A che gioco gioca il Pd in Regione sul tema della Villa Fabbricotti? Non vorremmo che le lotte intestine ad un partito si riversassero sulla amministrazione quotidiana che deve tenere ben ferma la barra sull’interesse pubblico. Avevamo tirato un sospiro di sollievo dopo l’approvazione di una mozione all’unanimità in Consiglio comunale, alla cui stesura definitiva il nostro gruppo consiliare aveva lavorato a stretto contatto con il Pd di Palazzo Vecchio per trovare una formulazione che soddisfacesse le richieste legittime della cittadinanza che chiedeva di non venderla, insieme alla necessità di non creare sul tema un braccio di ferro tra Comune e Regione.”

“E’ di oggi invece la bocciatura in Commissione regionale, che ci auguriamo possa essere ribaltata dall’esito in aula di una mozione presentata dai Consiglieri Fattori e Sarti del gruppo di Si – Toscana a Sinistra da parte del Pd della Regione. Respingere la richiesta unanime del Consiglio comunale di Firenze non può passare in silenzio e chiederemo immediatamente alla Giunta e al neo assessore comunale Bettarini all’urbanistica di chiarire se rispetto alle richieste dell’assemblea dei cittadini il Comune abbia intenzione di fare un passo indietro e concedere qualche tipo di variante urbanistica per l’immobile di Via Vittorio Emanuele.”

“Salvare dalla speculazione il parco non può renderci soddisfatti: che senso avrà un parco, con una villa raggiungibile in auto con una strada alla cui sommità ci sarà un’area di pertinenza per il parcheggio dei mezzi? Se la Regione vorrà andare avanti per la propria strada con la vendita della Villa Fabbricotti si dimostrerà sorda e incapace di interpretare i desiderata della cittadinanza, ma chiederemo al Comune di condurre questa battaglia al fianco dei cittadini”. (fdr)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising