[Provincia di Lucca] IMMIGRAZIONE e ACCOGLIENZA: i dati aggiornati del progetto SPRAR in Provincia di Lucca diffuso nel convegno “Confini in movimento”

da
Advertising

Sono inseriti attualmente nel progetto SPRAR di Lucca. Il dato, aggiornato al 31 gennaio 2017, è stato reso noto nel corso dell’incontro svoltosi oggi (venerdì 24 febbraio) a Palazzo Ducale, organizzato da eper un confronto aperto sui temi dell’immigrazione e dell’accoglienza che coinvolge, inevitabilmente, anche le amministrazioni locali alla luce soprattutto del Piano di Ripartizione nazionale definito da un percorso condiviso tra Anci e Ministero dell’Interno. La giornata di approfondimento – aperta dagli interventi del prefetto di Lucca , del presidente della Provincia di Lucca e sindaco di Capannori e del sindaco di Lucca – ha visto intervenire, tra gli altri, il sottosegretario agli Interni con delega all’immigrazione il quale ha illustrato il Piano di ripartizione nazionale e le modalità di accesso alla rete SPRAR e poi il presidente di Anci Toscana, sindaco di Prato e delegato nazionale Anci per l’immigrazione .E’ questo il concetto principale espresso dal presidente della Provincia di Lucca e sindaco di Capannori in apertura del convegno.- ha detto Menesini A fine gennaio, quindi, erano presenti nelle strutture di accoglienza (appartamenti) attivate nell’ambito del progetto SPRAR (Sistema di Protezione dei Richiedenti Asilo e dei Rifugiati) gestito dalla Provincia di Lucca, in partenariato con gli , 33 ospiti, di cui 18 titolari di protezione internazionale o umanitaria già riconosciuta dalle autorità competenti e 15 in attesa di riconoscimento (in prima o in seconda istanza).Le strutture di accoglienza attivate nell’ambito del progetto sono complessivamente 8, di cui 4 ubicate nel territorio del comune di Viareggio, 3 nel comune di Lucca e 1 nel territorio comunale di Capannori.Le persone che nel secondo semestre del 2016 hanno usufruito delle strutture di accoglienza e dei servizi per progetto SPRAR sono state complessivamente 46 (l’eccedenza rispetto ai dati suddetti è dovuta a casi di trasferimento in altre strutture al di fuori del territorio provinciale e/o di abbandono del progetto da parte degli interessati).Per quanto riguarda le maggiormente rappresentate, sono quelle che più hanno caratterizzato i flussi di richiedenti asilo/protezione degli ultimi anni: ossia Nigeria, Gambia, Mali e Pakistan.In ordine ai servizi erogati, nel corso del 2016: 38 persone hanno frequentato con continuità corsi di lingua italiana (di cui 17 di livello intermedio e 21 di livello più basilare); 20 soggetti hanno frequentato corsi di formazione professionale finalizzati all’inserimento lavorativo, nei settori dell’artigianato e del turismo/ristorazione; 17 individui sono stati inseriti in tirocini formativi. Gli registrati nel corso dell’anno sono stati complessivamente 12, in particolare nei settori dell’artigianato, dell’agricoltura e del turismo.Le attività del progetto sono state portate avanti da un di operatori che include mediatori culturali, assistenti sociali, educatori, personale amministrativo e legale ecc.. per un totale di oltre 12mila ore complessive di impegno (equivalenti a 6 posti di lavoro a tempo pieno). Il progetto è gestito dalla Provincia di Lucca in partenariato (Comuni di Lucca e Capannori, ASL, Comune di Borgo a Mozzano, Servizio Lavoro della Regione Toscana-Centri per l’Impiego, amministrazioni comunali di Viareggio, Gallicano e Castelnuovo Garfagnana) e in collaborazione operativa con ARCI. E’ prevista una dotazione di 29 posti ordinari, più 8 posti aggiuntivi, per un totale di 37 posti.Il progetto gestito dalla Provincia di Lucca è uno dei 3 progetti SPRAR attualmente presenti sul territorio, per una dotazione complessiva di 97 posti. Di questi 37 sono gestiti direttamente dalla Provincia di Lucca, dal Comune di Capannori e 14 dal Comune di Fabbriche di Vergemoli.

Advertising