Capannori Consegnati attestati di partecipazione ad una quarantina di richiedenti asilo che hanno svolto lavori socialmente utili

da
Advertising

Capannori –

Il gruppo di richiedenti asilo assieme all'assessore Carmassi

Sono una quarantina i richiedenti asilo ospiti sul territorio capannorese che stamani (martedì) hanno ricevuto dall’amministrazione comunale un attestato di partecipazione per aver svolto lavori socialmente utili in stretta collaborazione con il Comune. A fine 2016 hanno infatti realizzato, gratuitamente e a titolo di volontariato, attività di pulizia e manutenzioni di luoghi pubblici, come parchi, parcheggi ed  aree verdi  a favore della comunità.

A consegnare gli attestati nella sala del consiglio comunale è stata l’assessore alle politiche sociali Ilaria Carmassi alla presenza del vicario del Prefetto di Lucca, Francesco Fabio Marzano e dei rappresentanti della cooperativa Odissea che ha collaborato al progetto e di alcune associazioni che avevano attivato progetti di inclusione durante lo scorso anno.

“Con la consegna di questi attestati abbiamo voluto dare un riconoscimento ai richiedenti asilo che sono stati impegnati in lavori socialmente utili a favore della comunità – spiega l’assessore alle politiche sociali – Ilaria Carmassi –. Ringraziamo questi giovani per l’opera svolta perché hanno contribuito a migliorare il decoro del nostro territorio. Riteniamo particolarmente importante favorire l’impegno dei richiedenti asilo ospitati sul nostro territorio, perché questo favorisce l’integrazione e rende la comunità più coesa. Questa attività proseguirà anche nel 2017 e speriamo di replicare la bella esperienza dei progetti attivati in collaborazione con le associazioni del territorio”.

Tra gli spazi che sono stati interessati  dalle opere di pulizia i parchi di Artémisia ed Athena, il parco giochi di via Don Aldo Mei, il parcheggio del mercato di Guamo in via di Vorno, il parcheggio in via di Sottopoggio a Guamo, il parco pubblico in piazza Guami davanti alla chiesa di Guamo, e l’area giochi vicino alle case di edilizia residenziale pubblica di via Martiri Lunatesi. 

Advertising
Tags: