BOLZANO – Citt di Bolzano – Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie

da
Advertising

Il Sindaco Caramaschi in corteo con studenti e magistrati nella manifestazione promossa da Libera

Anche quest’anno la Citt di Bolzano ha partecipato
attivamente alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo
delle vittime delle mafie promossa a livello nazionale da Libera –
Associazione Nomi e Numeri contro le mafie. Dal 2012, in
collaborazione con il coordinamento territoriale di Libera e con
l’Associazione Nazionale Magistrati – Sezione Trentino Alto Adige,
il capoluogo altoatesino ospita un evento (convegno e corteo) che
vede una sempre pi ampia e convinta partecipazione dei
giovani delle scuole cittadine.

Stamane al Teatro Cristallo intervenuta Franca
Imbergamo,pubblico ministeropresso la Direzione
Nazionale Antimafia, che ha rappresentato l’accusa nel processo di
primo grado per l’omicidio di Peppino Impastato. L’autorevole
ospite ha dialogato con Pasquale Profiti, sostituto procuratore
della Repubblica di Trento.

E’ seguita la “Camminata di solidariet e ricordo di
tutte le vittime di mafia”, che dal Teatro Cristallo si
conclusa in piazza Tribunalee alla qualeha partecipato
anche il Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi. Durante la marcia, a
livello simbolico e secondo il consueto stile di Libera, sono sati
letti e ricordati i circa mille 1000 nomi delle vittime delle
mafie.

In piazza Tribunale da segnalare l’intervento del Procuratore
Capo della Repubblica di Bolzano Giancarlo Bramante e del Sindaco
Caramaschi che, rivolgendosi ai ragazzi, ha detto di “sperare che
questo Paese un po’ claudicante e che sembra zoppicare possa
trovare nelle nuove generazioni, il senso di quella
responsabilit che tutti devono imparare; soprattutto il
rispetto dell’altro ed un maggior senso civico. Questo – ha detto
ancora il Sindaco- il senso dello studio, dell’impegno, della
professionalit. Ciascuno, per come pu, cerchi di
dare il meglio di cui capace. Questa giornata, triste in
s, ricorda le vittime di mafia, ma nello spirito si
lega a giornate come il 25 aprile e il 2 giugno ovvero all’
esaltazione della volont di un Paese, di affrancarsi e
riscattarsi”.

Advertising