[REGIONE UMBRIA] RACCORDO PERUGIA-BETTOLLE: “LAVORI INFINITI E ODISSEA TRAFFICO. CE NE SARANNO ALTRI A COMPLICARE LA VITA DEGLI…

da
Advertising

Il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Marco Squarta, annuncia la presentazione di un’interrogazione sui lavori del raccordo Perugia-Bettolle. Per Squarta “l’assessore ai trasporti di Palazzo Donini deve dirci se Anas svolgerà nuovi lavori oltre quelli già iniziati sul viadotto Genna, complicando così la vita degli automobilisti”.

 

(Acs) Perugia, 22 marzo 2017 – “Sapere se Anas svolgerà nuovi lavori sul raccordo Perugia-Bettolle oltre quelli già iniziati per il ripristino della pavimentazione del viadotto Genna tra gli svincoli di Madonna Alta e Ferro di Cavallo”. È questo il contenuto di un’interrogazione che il consigliere regionale Marco Squarta (FdI) annuncia di voler presentare all’assessore ai trasporti di Palazzo Donini.

“In una nota di Anas – spiega Squarta – si legge che sono stati riscontrati dissesti del piano viabile su alcune delle campate interessate dai lavori riconducibili alle attività di rifacimento di parte della soletta e dei cordoli laterali, eseguiti preliminarmente alla sostituzione delle barriere. I disagi per gli automobilisti intanto – spiega il capogruppo di Fratelli d’Italia – dureranno fino a sabato. Viene legittimamente da chiedersi, a questo punto, se i lavori in corso si sono resi necessari perché i precedenti interventi sono stati fatti male oppure perché chi doveva vigilare non lo ha fatto troppo bene. Per più di un anno i disagi hanno caratterizzato la viabilità della provincia, una città intera è rimasta paralizzata e imbottigliata nel traffico. Per di più la beffa è rappresentata dal fatto che non sono stati eseguiti neppure i lavori in tutte le gallerie. L’assessore ai trasporti – conclude – deve venire subito a spiegare ai perugini se si continuerà a complicare la vita di chi, ogni giorno, prende l’auto per andare a lavorare e invece è costretto a trascorrere ore ed ore in coda per i lavori infiniti sul raccordo”. RED/dmb

Fonte: Regione Umbria

Advertising