[REGIONE UMBRIA] COMMISSIONE STATUTO: ILLUSTRATE LE MODIFICHE AL REGOLAMENTO RELATIVE ALLA VALUTAZIONE DELLE POLITICHE REGIONAL…

da
Advertising

 

(Acs) Perugia, 23 marzo 2017 – La Commissione speciale per le Riforme statutarie e regolamentari dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, presieduta da Silvano Rometti, si è riunita oggi a Palazzo Cesaroni per discutere delle modifiche al regolamento interno. In particolare sono state illustrate dagli uffici quelle relative alla valutazione delle politiche regionali.

Dopo l’illustrazione tecnica del dirigente Simonetta Silvestri, il presidente Rometti ha spiegato che “il lavoro che stiamo facendo punta a migliorare la qualità amministrativa e del governo della Regione, anche dando maggiori strumenti per valutare gli effetti delle politiche messe in atto e capire come vengono attuate. Tra le varie ipotesi proposte (lasciare tutto com’è o costituire un nuovo organismo paritetico) si è scelta la strada, anche di mediazione, di lasciare la valutazione delle politiche regionali in capo alle Commissioni permanenti, ma dando al Comitato per il controllo e la valutazione, che già esiste, un ruolo di impulso consentendogli di proporre alle Commissioni consiliari lo svolgimento di missioni valutative su determinate leggi. In questo modo si arricchisce il ruolo del Comitato in maniera significativa senza ledere le prerogative delle Commissioni”.

LE MODIFICHE

L’ipotesi di modifica del regolamento illustrata prevede che il Comitato per il controllo e la valutazione, ferme restando le competenze della Commissioni consiliari permanenti e le attuali funzioni del Comitato, può proporre alle Commissioni l’inserimento nei testi legislativi di clausole valutative e può proporre alle Commissioni lo svolgimento di missioni valutative. Inoltre, a tutela delle minoranze, lo svolgimento di missioni valutative è deciso dalla Commissione competente e può essere proposto anche da un quinto dei consiglieri assegnati alla Regione; l’incarico di presiedere lo svolgimento di una missione valutativa è affidato a due consiglieri, uno di maggioranza e uno di minoranza, che ne riferiscono i risultati alla Commissione stessa. Per lo svolgimento delle funzioni di valutazione le Commissioni e il Comitato attivano forme di collaborazione permanente con la Giunta regionale. Alle Commissioni, inoltre, è affidato il compito di verificare, con potere di richiamo, il rispetto degli obblighi informativi contenuti nelle clausole valutative. DMB/

 

Fonte: Regione Umbria

Advertising