[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Aut. Loc.: Panontin, impegno Regione a favore del Comune di Trieste

da
Advertising

Verso intesa che metta in sicurezza il bilancio dell’ente e, con
esso, i servizi essenziali a favore della comunità

Trieste, 25 mar – Trasferimenti regionali di risorse al Comune
di Trieste e all’Unione Territoriale Giuliana, finalizzate in
particolare ai servizi sociali, e passaggio di competenze per
quanto attiene l’edilizia scolastica di secondo grado, già di
competenza della Provincia.

Questi i principali temi affrontati in un lungo e costruttivo
confronto tra l’assessore regionale alle Autonomie locali, Paolo
Panontin, e il sindaco del capoluogo giuliano, Roberto Dipiazza,
a seguito delle criticità emerse negli scorsi giorni per quanto
attiene la definizione del bilancio di previsione dell’ente
locale.

“Abbiamo analizzato nel dettaglio la situazione contabile – ha
riferito Panontin – e in questa fase di trasferimento di funzioni
del servizio sociale dalla gestione comunale a quella in ambito
Unione Giuliana, abbiamo doverosamente preso atto che il Comune
di Trieste è l’unico, a livello regionale, che nell’ambito della
spesa complessivamente sostenuta per il servizio sociale, si fa
carico del costo del personale con fondi propri di bilancio”.

Su questo aspetto “è stata ipotizzata una soluzione che da un
lato agisca tecnicamente sui bilanci, ripristinando in capo al
Comune di Trieste le spese del personale riferite appunto al
servizio sociale, compresa la quota di amministrazione generale;
dall’altro lato integri le risorse destinate al sociale, ora di
competenza dell’Unione Giuliana, per riequilibrare una situazione
ritenuta anomala dal Comune di Trieste, che si trascina da
qualche tempo e che nulla ha a che vedere con l’istituzione delle
Unioni”.

“Se infatti quest’anno la funzione del sociale fosse rimasta in
capo al Comune di Trieste e non vi fosse stato il suo
trasferimento in Unione, le risorse assegnate sarebbero rimaste
inalterate rispetto al 2016”, ha precisato Panontin, ammettendo
che “in definitiva un intervento di riequilibrio finanziario
appare giustificabile, per fattori del tutto indipendenti dalla
riforma degli enti locali. Di conseguenza ho già interessato sul
punto la collega Telesca”.

In ogni caso “per quanto concerne direttamente la mia delega ho
assicurato stanziamenti aggiuntivi all’Unione Giuliana
complessivamente per circa 1.450.000 euro, di cui 1.250.000
riferibili a Trieste”.

Sul passaggio in gestione all’Unione Giuliana degli istituti
superiori, preso atto della completa copertura finanziaria di
parte corrente, il sindaco Dipiazza ha ribadito la preoccupazione
per lo stato degli edifici scolastici, che nell’area giuliana
sono tutti collocati a Trieste, sono piuttosto vetusti e hanno
bisogno di interventi strutturali. Da qui la richiesta di una
serie di garanzie sulla messa e norma e sulla ristrutturazione
edilizia.

“Mi sono fatto carico – ha reso noto l’assessore Panontin – di un
ulteriore approfondimento e di un aggiornamento del testo della
possibile intesa, individuando una risposta possibile”.

In ogni caso per Panontin l’accordo è ragionevolmente a portata
di mano. Già martedì prossimo Comune e Regione infatti si
ritroveranno di fronte. Obiettivo dichiarato di Panontin “mettere
in sicurezza il bilancio del Comune di Trieste per assicurare la
continuità dei servizi sociali e di quelli scolastici superiori,
nell’esclusivo interesse dei cittadini e degli studenti di
Trieste.
ARC/PPD

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising