[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Pro Loco: Bolzonello, sono anima del tessuto sociale e turismo in Fvg

da
Advertising

Donati alla Protezione civile regionale 12 mila euro per l’asilo
di Sarnano.

Castel d’Aviano (Pn), 25 mar – “Il sistema delle Pro loco è
l’anima del tessuto sociale del Friuli Venezia Giulia ed uno dei
motori del turismo regionale. Per questo motivo il comparto non
solo deve essere tutelato, ma va soprattutto valorizzato e
promosso”.

Lo ha detto il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello
partecipando a Castel d’Aviano all’assemblea ordinaria annuale
delle Pro loco del Friuli Venezia Giulia. Alla presenza del
presidente nazionale dell’Unione delle Pro loco d’Italia (Unpli)
Antonino La Spina e di quello del Comitato regionale Valter
Pezzarini, del presidente del sodalizio locale Ilario De Marco,
del vicesindaco di Aviano Sandrino Della Puppa nonchè del
direttore generale di PromoturismoFvg Marco Tullio Petrangelo,
Bolzonello ha ricordato l’importanza di questo sistema
nell’ambito della promozione turistica della regione.

“Le Pro loco – ha detto il vicepresidente – sono composte da
persone che non solo organizzano eventi, ma soprattutto che hanno
a cuore la comunità di cui fanno parte, contribuendo così a dare
anima al tessuto sociale locale”. Quindi, facendo riferimento
alla recente legge regionale del settore turistico approvata in
Consiglio, Bolzonello ha evidenziato come, nella norma, il
sistema delle Pro loco ricopra un importante ruolo, “in quanto
rappresenta uno degli assi per la promozione del territorio
regionale. Appena insediato, avevo sostenuto che una delle spine
dorsali del turismo regionale dovesse passare necessariamente
attraverso questo rodato sistema. Con la norma regionale dello
scorso anno, questa impostazione è diventata una realtà”.

Infine il vicepresidente ha riservato un passaggio del suo
intervento all’aspetto legato ai contributi destinati alle
associazioni. “Su mia proposta – ha affermato Bolzonello – la
giunta ha recepito la necessità che la Regione si faccia carico
di dare alle Pro loco quelle risposte economiche fino a poco
tempo fa garantite dalle Province. Per questo motivo, entro
l’inizio dell’estate, verranno pubblicati i bandi per sostenere
tutte quelle piccole manifestazioni di cui si fregia il
territorio”. Per quanto riguarda invece le risorse previste dalla
nuova legge regionale, il vicepresidente ha ricordato come
professionalità degli operatori e promozione turistica debbano
essere i requisiti fondamentali per accedere alle risorse dei
bandi.

Il presidente nazionale dell’Unpli ha invece elogiato la validità
del sistema legato alle Pro loco del Friuli Venezia Giulia,
evidenziando come questa “best practice” vada presa come modello
a livello nazionale. “Il rapporto con la Regione – ha aggiunto La
Spina – è virtuoso e quindi chiederò al Friuli Venezia Giulia di
darci una mano per esportare quanto è stato fatto qui”.

Per il presidente regionale Pezzarini, il 2016 è stato un anno
ricco di risultati positivi “culminato con una presenza da record
di pubblico in occasione della 15. Edizione di Sapori Pro loco.
Ma il più grande successo – ha aggiunto – è vedere il grande
impegno degli oltre 20 mila volontari di tutte le Pro Loco
aderenti al Comitato, che all’interno delle rispettive comunità
riescono a unire la passione verso il proprio territorio con la
sua promozione e valorizzazione anche in chiave turistica, con la
professionalità e autenticità che solo dei volontari possono
avere”.

In chiusura dei lavori, il direttore regionale della Protezione
civile Luciano Sulli ha ricevuto da Pezzarini gli oltre 12 mila
euro raccolti dalle Pro Loco per contribuire alla costruzione
della scuola materna di Sarnano (Mc) gravemente danneggiata dal
terremoto. Per sostenere la progettazione e la realizzazione dei
lavori, entrambe ad opera della Protezione civile regionale, il
Comitato e le Pro Loco, continueranno a raccogliere fondi durante
i prossimi appuntamenti in programma sul territorio.
ARC/AL/ppd

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising