Firenze Fiorino d’oro ai lavoratori impegnati nella ricostruzione del Lungarno Torrigiani

da
Advertising

Antonella Mezzani di Publiacqua, Enrico Ferrera di Trevi, Andrea Ceccolini della Calenzano asfalti spa, Francesco De Marco di Italscavi e Marco Tognotti di Ingegnerie toscane: sono i cinque lavoratori delle cinque aziende impegnate nella ricostruzione del Lungarno Torrigiani a cui il sindaco Dario Nardella ha consegnato stamani nel Salone dei Cinquecento il Fiorino d’oro.

Il massimo riconoscimento della città di Firenze è stato consegnato loro “in segno di gratitudine per l’alto servizio reso con senso di responsabilità, impegno e grande spirito di sacrificio durante i lavori a seguito della voragine sul Lungarno Torrigiani che aveva fatto ripiombare la città nella paura dei giorni dell’alluvione”.

“Vorrei ringraziare tutti i lavoratori impegnati nella ricostruzione del Lungarno Torrigiani – ha detto il sindaco -. È stato un lavoro di squadra straordinario, che ha portato alla conclusione dei lavori in tempi record. Ci eravamo dati l’obiettivo di far coincidere la fine dei lavori con l’anniversario dell’Alluvione e ce l’abbiamo fatta grazie all’impegno e alla determinazione di tutti. All’inizio non ci credeva nessuno, ma noi non abbiamo perso mai la speranza. Il lavoro di ricostruzione del lungarno Torrigiani da quando è crollato, ovvero il 25 maggio scorso, fino al 4 novembre è un esempio di come l’Italia, se vuole, può essere un grande Paese capace di giocare di squadra e ottenere ottimi risultati”. “È stata una sfida nella sfida per vincere la quale tutti sono stati preziosi e vitali – ha continuato -. Per questo, credo che il Fiorino sia meritato e che sia un gesto di gratitudine da parte di tutta Firenze. Spero che il modo in cui abbiamo ricostruito il lungarno Torrigiani sia apprezzato e conosciuto in tutto il mondo”. “Questa città ha dovuto affrontare sfide più difficili – ha concluso -, pensiamo ad esempio all’alluvione, alla guerra, alla strage dei Georgofili e in ogni momento ha dimostrato di essere una grande città con un grande popolo e di saper reagire alle sventure, sapendo fare di questi drammi delle sfide. Abbiamo fatto così anche con il lungarno Torrigiani”. (fp)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising