[ REGIONE SARDEGNA ] Aree marino-costiere: al via Girepam. Spano: Regione capofila di un progetto da quasi 6 milioni di euro

da
Advertising

28.03.17-comunicati stampa
Aree marino-costiere: al via Girepam. Spano: Regione capofila di un progetto da quasi 6 milioni di euro

Al via GIREPAM “Gestione Integrata delle Reti Ecologiche attraverso i Parchi e le Aree Marine”, progetto cofinanziato dal Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 con i fondi europei del FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale), che vede capofila la Regione Sardegna tramite l’Assessorato della Difesa dell’Ambiente. L’avvio del progetto avrà luogo il 29 e 30 marzo sull’isola francese di Porquerolles, nel Parco nazionale di Port-Cros. Il partenariato è composto da enti provenienti da Sardegna, Corsica, PACA (Provenza-Alpi-Costa Azzurra), Toscana e Liguria con il coinvolgimento di numerosi parchi e aree marine protette.

SOLUZIONE DI PROBLEMI COMUNI. “Si tratta di un progetto strategico da quasi 6 milioni di euro nel quale ci siamo posti l’obiettivo di trovare soluzioni ambientali comuni ai problemi più pressanti dell’area di cooperazione, dall’eccessivo utilizzo delle risorse all’inquinamento – spiega l’assessora della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano –. Il nostro scopo è quindi l’adozione di una strategia transfrontaliera condivisa di gestione integrata delle reti ecologiche marino-costiere, ideata e attuata dalle Regioni in rete con Parchi e Aree Marine Protette”.

SVILUPPO SOSTENIBILE. Tutti i partner coinvolti hanno accettato la sfida di migliorare la gestione delle aree marino-costiere. “Avere una visione d’insieme dei territori ci permette di contribuire a tutelare l’ambiente, conservare il patrimonio di capitale naturale e assicurare i servizi ecosistemici, cioè i vantaggi per la produttività di una risorsa naturale e di protezione ambientale – aggiunge Donatella Spano -. In questo modo aderiamo con forza a una prospettiva europea di maggiore efficacia nella gestione dei territori e di sviluppo economico “green & blue”, cioè sostenibile per gli spazi protetti della costa e del mare”.

Fonte: Regione Sardegna

Advertising