Firenze Quasi Pinocchio, l’opera musicale di Beppe Dati all’Obihall per finanziare la app che aiuterà i non vedenti a vivere la città

da
Advertising

L’opera musicale ‘Quasi Pinocchio’ di Beppe Dati sbarca il 31 marzo al Teatro Obihall di Firenze per finanziare il progetto del Distretto Lions-Leo108la-Toscana ‘L’Occhio della Città Intelligente’. Un’applicazione per smartphone e tablet che consentirà ai non vedenti e agli ipovedenti di orientarsi e muoversi nello spazio cittadino attraverso una guida vocale. L’iniziativa, realizzata in partnership con l’Università degli Studi di Firenze, è stata presentata oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re e dall’assessore al Welfare Sara Funaro.

“Siamo qui per sostenere questo spettacolo e questo progetto – ha detto l’assessore Del Re – ma anche per manifestare la nostra vicinanza al Lions sempre impegnato in iniziative sociali. Il terzo settore è sempre di più la stampella dell’amministrazione, specie in progetti di utilità sociale. Questa iniziativa va nella direzione giusta, per questo la sosteniamo”.

“Un progetto importante perché consente di dare strumenti nuovi a persone con difficoltà contribuendo ad abbattere le barriere che ogni giorno incontrano negli spostamenti – ha detto l’assessore Funaro – Un’occasione per unire ancora una volta gli aspetti sociali con quelli dell’intrattenimento e del divertimento, un binomio che rappresenta sempre un valore aggiunto”.

Punto di forza dell’applicazione è l’integrazione tra un sistema di navigazione evoluto (Gps) e i dati forniti dalle reti civiche comunali e dalle aziende di trasporto pubblico. In pratica, durante i tragitti all’interno della città, l’applicazione individuerà rapidamente il luogo da raggiungere, indicando con precisione dove ci si trova e riconoscendo punti di interesse come monumenti, attrazioni, musei. L’accesso a tali informazioni consentirà anche di usufruire in maniera più precisa dei mezzi pubblici. La app segnalerà non solo la presenza di una fermata di autobus, ma anche il tempo di attesa e il momento di arrivo del mezzo. Applicata a stazioni e aeroporti, permetterà al non vedente o ipovedente di conoscere il binario corretto o il gate per un volo, consentendo una maggiore autonomia e capacità di movimento. L’applicazione sarà sviluppata in maniera modulare per permettere aggiornamenti e miglioramenti successivi, oltre all’adattamento alle reti civiche dei diversi Comuni ed enti pubblici. Il Comune di Firenze farà da apripista per poi estendere il service ad altri comuni del Distretto 108la-Toscana.

I fondi necessari alla realizzazione del progetto proverranno in parte dall’Università di Firenze – Cespd e in parte dai ricavati della rappresentazione di ‘Quasi Pinocchio’ di Beppe Dati che farà rivivere una delle fiabe più amate di sempre, con una lettura poetica diversa dalle solite interpretazioni. Lo spettacolo è patrocinato dal Comune di Firenze e dall’Unione italiana ciechi e ipovedenti. Sostengono il progetto Azimut Capital Management, Reale Firenze, Studio odontoiatrico associato De Santi-Landi, Generali Assicurazioni. Per info, prenotazioni e ritiro inviti: mobile +39 335 745 5794, e-mail quasipinocchio@lions108la.it. (sc)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising