PORCARI Una strada intitola a Padre Jacques Hamel, vittima del terrorismo

da
Advertising

PORCARI – E’ prevista per sabato primo aprile alle ore 11.00 la cerimonia per l’intitolazione di una strada del territorio comunale di Porcari a Padre Jacques Hamel, sacerdote francese ucciso nel corso di un vile attentato terroristico compiuto lo scorso anno.
La scelta è ricaduta sulla strada già chiamata “variante di Salanetti” che ancora non era stata altrimenti denominata.
Giova ricordare che Padre Jacques Hamel era una sacerdote che, seppur avesse raggiunto l’ottantaseiesimo anno di età, continuava ad esercitare il suo Ministero nella Parrocchia Francese di Saint Etienne du Rouvray in Normandia.
A sollevare ancora di più l’indignazione nella pubblica opinione era stato il fatto che il barbaro assassinio del religioso fu compiuto proprio mentre stava celebrando la Santa Messa nella sua Chiesa.
“La nostra scelta – sostiene il Sindaco Alberto Baccini – è motivata dalla considerazione che mai il terrorismo si era spinto a compiere crimini di tale efferatezza in luoghi altamente simbolici quali sono quelli riservati al culto nella assoluta considerazione che Padre Jacques era notoriamente un uomo di pace e di fratellanza fra i popoli e che il suo sacrificio è avvenuto proprio nel momento in cui offriva il suo rispetto e le sue preghiere per tutti senza distinzione alcuna.”
“Abbiamo ritenuto – chiude il Sindaco – di considerarlo un vero martire del nostro tempo ed un esempio di vita nella quale le uniche armi a sua disposizione erano la bontà ed il servizio verso i più deboli. Quindi, interpretando questi sentimenti profondamente condivisi dalla comunità di Porcari che ha con il popolo francese un rapporto speciale, abbiamo voluto dare una segno di vicinanza rendendo omaggio ad un eroe silenzioso dei nostri giorni.”
La cerimonia di intitolazione si terrà sul luogo dove sono posizionati i cartelli di toponomastica stradale alla presenza della autorità civili e religiose nonché del console onorario di Francia a Firenze. Tutta la cittadinanza è invitata ad intervenire.

Fonte: Lo Schermo

Advertising