[Lucca] Giglio (SiAmo Lucca): “Un Comune-sceriffo alleato di Equitalia per colpire i cittadini”

da
Advertising

Lucca –

Giglio (SiAmo Lucca): “Un Comune-sceriffo alleato di Equitalia per colpire i cittadini”

 

Suscita perplessità e sgomento la notizia, pubblicata nei giorni scorsi, che il Comune di Lucca ha inviato quattrocento lettere a Equitalia con la segnalazione di cittadini morosi che avrebbero, a detta dello stesso Comune, beni aggredibili come conti correnti o stipendi . Un’azione nel segno della lotta all’evasione che mette sotto la lente di ingrandimento lo stato patrimoniale dei cittadini in difficoltà.

“Rimango sconcertato – afferma l’Avvocato Giuseppe Giglio della lista civica SiAmo Lucca a sostegno della candidatura a sindaco  di Remo Santini – da un’azione dalla quale emerge in modo netto l’immagine di un “comune sceriffo” ben lontano dai proclami di ascolto e disponibilità ad aiutare i cittadini che il sindaco uscente Tambellini sta sbandierando in campagna elettorale”.

Secondo Giglio è giusto che i cittadini paghino le tasse, ma il Comune dovrebbe fare da tramite con la società di riscossione per trovare soluzioni condivise e soprattutto, prima di inviare la segnalazione, verificare la reale situazione patrimoniale in quanto non viene comunicato, alla stessa Equitalia lo stato del conto corrente, la condizione delle proprietà o la quantificazione dello stipendio.

 “Da anni stiamo attraversando un periodo di crisi economica che va in parallelo con un aumento delle tasse. Le persone in certi casi sono impossibilitate a pagare perché hanno perso il lavoro o non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese. Avere una casa di proprietà pagata con anni di sacrifici o un conto corrente con qualche risparmio non può essere considerato motivo sufficiente per venire segnalati. La riscossione coattiva con l’aggressione dei beni che il cittadino può avere deve essere l’estrema ratio perpetrata solo dopo aver attentamente valutato se si tratta di persone veramente in difficoltà o di furbetti.”

Conclude Giglio: “E’ chiaro che le tasse vanno pagate ma occorre anche cercare le risorse economiche, oltre che nelle tasche dei cittadini, nella riduzione delle spese che, nel caso specifico dell’attività di riscossione, sono notevoli vista la gestione assurdamente divisa tra Ufficio Tributi, Equitalia e Lucca Holding Servizi con criteri discutibili e, sotto alcuni aspetti, palesemente vessatori.” “Non dimentichiamoci, quindi, che i cittadini siamo tutti noi. Siamo quelli che ci sentiamo continuamente dire che dobbiamo pagare sempre più tasse per coprire i buchi di bilancio e quelli che vengono sanzionati per ogni minimo sgarro. Abbiamo, però, un grande potere: la libertà di voto. ”

Fonte Verde Azzurro

Advertising