[REGIONE UMBRIA] CACCIA AL CINGHIALE: ANCHE PER LA STAGIONE VENATORIA 2017/2018 GLI ATC NON POTRANNO ISCRIVERE NUOVE SQUADRE – …

da
Advertising

 

(Acs) Perugia, 30 marzo 2017 – La Terza Commissione, presieduta da Attilio Solinas, ha espresso parere favorevole ( sì dei commissari di maggioranza Solinas, Chiacchieroni, Leonelli; contrario il voto di Carbonari-M5S) alla richiesta della Giunta regionale di modificare il regolamento relativo al ‘prelievo venatorio della specie cinghiale’. L’Esecutivo di Palazzo Donini ha previsto in sostanza di prorogare anche per la stagione venatoria 2017/2018 (dopo averlo fatto per le due stagioni precedenti) il divieto per gli Atc (Ambiti territoriali di caccia) di iscrivere al registro delle squadre ammesse a praticare la caccia al cinghiale altre squadre oltre a quelle già iscritte.

Il parere favorevole, come lo stesso presidente Solinas ha rimarcato, è legato ad un ordine del giorno attraverso il quale si chiede alla Giunta regionale di aprire una urgente discussione per la modifica del regolamento affinché si possa delineare la programmazione della caccia al cinghiale per i prossimi anni.

Particolarmente critico sulla proroga proposta dell’Esecutivo, Marco Vinicio Guasticchi (Pd) che non ha partecipato al voto, al pari di Sergio De Vincenzi (Rp).

Guasticchi ha invitato la Commissione a non esprimersi nel merito, non prima comunque di aver dato luogo ad una discussione partecipativa più ampia ed approfondita ed accogliere le eventuali proposte dei soggetti interessati predisponendo un documento più esaustivo da votare poi in Commissione. “Continuare ad applicare la moratoria per iscrizioni di nuove squadre di ‘cinghialisti’ – ha detto Guasticchi – rappresenta una forzatura eccessiva ed una dimostrazione di come non voler mettere le mani in modo serio sulla regolamentazione di questo tipo di caccia. Oggi, il mondo legato alla caccia al cinghiale di fatto si autoalimenta, dato che le squadre sono sempre le stesse e con questa moratoria non si fa altro che rafforzarne il ‘monopolio’. Bisogna ragionare su come imporre controlli ferrei per consentire l’esclusione e la cancellazione di squadre che non si comportano in maniera corretta. Vanno inseriti nel regolamento elementi di penalità nei confronti delle squadre che non rispettano la trasparenza dei verbali. Mi risulta che in alcuni distretti ci sono spazi che consentirebbero l’iscrizione di nuove squadre”. Gianfranco Chiacchieroni (Pd), dopo aver proposto l’ordine del giorno da allegare al parere della Commissione, ha detto che “non tutte le squadre hanno la stessa efficienza in merito agli abbattimenti. Quello della caccia al cinghiale è un mondo complesso da governare. Per questo è urgente programmare un incontro con l’assessore Cecchini per stabilire urgentemente un percorso chiaro e concreto che possa regolamentare bene l’intera attività permettendo l’ingresso di nuove squadre. AS/

Fonte: Regione Umbria

Advertising