[TORINO] International TalenTo

da
Advertising

 

di Michele Chicco

È stata presentata a Palazzo civico la seconda edizione dell’International TalenTO.

Si tratta di un concorso canoro – espressivo a cui partecipano cantanti o gruppi musicali, anche accompagnati da ballerini o artisti circensi, ginnasti, giocolieri per contribuire al Progetto Mitofusina2.

L’evento, con il patrocinio della Città di Torino, è organizzato dall’Associazione ConVoglio Onlus e le iscrizioni sono aperte fino al 15 aprile. La serata finale si svolgerà al Teatro Crocetta il 6 maggio.

Tre le parole chiave dell’evento. Beneficenza: i fondi raccolti dalle iscrizioni verranno devoluti al progetto Mitofusina2. Internazionalità: la musica è un reale mezzo per mezzo per unire e armonizzare diverse culture. Infatti, gli artisti si esibiranno con brani che rappresentino e interpretino musica e cultura dei vari Paesi del mondo. Espressività: Non solo musica e canto, anche le coreografie sono previste nel concorso.

 

“International TalenTo è un concorso artistico particolare perché unisce la creatività e la capacità espressiva dei giovani messa a servizio della ricerca cercando di trovare risorse per studiare le malattie rare– ha sottolineato l’Assessora alla Cultura della Città di Torino, Francesca Leon, durante la presentazione di ieri pomeriggio. L’evento ha quindi un’importante valenza sociale e si è concretizzato anche grazie all’associazioni ConVoglio e Progetto Mitofusina2”.

 

Progetto Mitofusina2 Onlus è un’Associazione di pazienti con la rarissima malattia neuromuscolare CMT2A. La CMT2A è una malattia genetica dovuta alla mutazione della proteina mitocondriale Mitofusina 2.  Si evolve lentamente, insorge già da piccoli, colpisce i nervi periferici impedendo il movimento e la sensibilità di gambe e braccia, e può portare all’invalidità totale.

 

Nell’edizione del 2016, con 25 iscritti e 16 paesi rappresentati, e un tutto esaurito alla serata finale al Teatro Agnelli, sono stati raccolti e donati 5000 € al Progetto Mitofusina2.

 

Fonte: Comune di Torino

Advertising