[Lucca] OLTRE 4 MILIONI DI EURO SUL TERRITORIO DI BORGO A MOZZANO

da
Advertising

Lucca –


OLTRE 4 MILIONI DI EURO SUL TERRITORIO DI BORGO A MOZZANO

 

BORGO A MOZZANO, 31 marzo 2017 – Ammonta a circa quattro milioni di euro il costo delle opere pubbliche già realizzate e quelle già finanziate, in attesa di essere avviate. È questa la cifra complessiva degli investimenti che, fino ad oggi, hanno interessato il comune di Borgo a Mozzano. Ad annunciarlo è il Sindaco, Patrizio Andreuccetti.
«Quello che abbiamo impostato – spiega – è un percorso virtuoso, calibrato e cadenzato. Attraverso un’attenta programmazione, siamo, e siamo stati, in grado di realizzare opere di fondamentale importanza con l’obiettivo di portare a termine, entro la fine del nostro mandato, almeno un’opera significativa in ogni frazione. Complessivamente, ad oggi, gli investimenti già fatti e quelli già finanziati sul comune di Borgo a Mozzano ammontano a circa 4 milioni, cifra che puntiamo a raddoppiare entro il 2019. Tengo a precisare che a metà mandato abbiamo già inaugurato il campo Parisotto e riqualificato la scuola media di Borgo a Mozzano, lavori per oltre 2 milioni di euro».

 

«Siamo molto soddisfatti degli sforzi che anche gli enti sovraordinati hanno compiuto per cambiare volto al nostro territorio: Anas, per esempio, ha già risolto i problemi dei due sensi unici alternati sulla via del Brennero. In più, sempre con Anas, siamo in fase di contrattazione per la realizzazione della nuova rotatoria e dell’accesso ad Anchiano, opere attese da almeno 40 anni, che saranno a carico dell’ente nazionale per le strade. La Provincia di Lucca, inoltre, ha concluso i lavori sulla strada che collega Dezza a Pescaglia, passando da Diecimo, e sta per chiudere la gara d’appalto funzionale alla realizzazione della rotatoria a Diecimo».

 

«E’ quindi fuori dalla realtà sostenere che il piano delle opere pubbliche sia fermo – prosegue Andreuccetti -. A partire, per esempio, dall’impegno che stiamo mettendo sugli edifici scolastici. Oltre alla già citata scuola media, siamo intervenuti sui solai di tutte le scuole del comune, diagnosticando e risolvendo criticità laddove necessario. Due, inoltre, i progetti in cantiere: la riqualificazione della scuola dell’infanzia di Valdottavo e l’intervento strutturale alla scuola elementare di Borgo a Mozzano che, in due tranche di lavori, andrà ad accogliere anche la scuola d’infanzia. Piano, questo, che nel triennio 2018-2020 andrà ad interessare anche le altre scuole elementari del territorio. Appare evidente, quindi, che la minoranza stia vivendo in una realtà a parte, diversa da quella di tutti noi e dei cittadini».

 

Andreuccetti risponde, infine, sulla polemica relativa all’ aumento Tari: «Il piano Tari, oggetto di aumenti risibili che in moltissimi casi non saranno percepiti dalle famiglie, consente di avere un territorio curato e pulito come pochi altri in provincia di Lucca. E’ fuori da ogni logica parlare di stangata, visto che le nostre tariffe sono in piena media provinciale, ma di aggiustamenti minimi e necessari a mantenere alta la qualità del servizio offerto da Sistema Ambiente.  L’azione di spazzamento strade compiuto dagli operatori di frazione, infatti, è stata costante su tutto il territorio e durante l’arco dell’intero anno appena passato. Come anche la minoranza sa, infatti, quando c’è bisogno di un intervento, il Comune risponde sempre prontamente: sia per le esigenze ordinarie sia per le emergenze».

 

Chiarimenti anche sulla questione delle commissioni cimiteriali: «Come abbiamo già spiegato, l’aumento delle tariffe cimiteriali coincide con l’aumento della durata delle concessioni. Abbiamo infatti colto l’occasione dell’aumento fisiologico dei costi per andare incontro ai cittadini, riducendo sensibilmente l’incidenza dei rincari. Parliamo concretamente di numeri: tra il 2003 e il 2010, la concessione di un posto distinto per 40 anni è aumentata di 21 euro. Nel 2017, il costo per lo stesso posto è aumentato di 7,50 euro. Portando la durata della concessione a 45 anni, l’aumento scende a 3,50 euro. Se la concessione sale a 50 anni, invece, si parla addirittura di risparmio.»

Fonte Verde Azzurro

Advertising