[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Grande Guerra: Serracchiani, valorizziamo tesoro collezione Luxardo

da
Advertising

Udine, 31 mar – “La Regione ha creduto molto in questo
progetto, tra i più importanti tra gli eventi organizzati in
tutto il territorio regionale per ricordare il centenario della
Grande Guerra, perchè è un’esposizione con cui abbiamo messo a
disposizione della città un tesoro straordinario ma ancora poco
conosciuto: abbiamo l’ambizione che conquisti spazi sempre più
vasti”.

Lo ha sottolineato la presidente della Regione Debora
Serracchiani, inaugurando la mostra “L’offensiva di carta. La
Grande Guerra illustrata, dalla collezione Luxardo al fumetto
contemporaneo”, assieme al sindaco Furio Honsell e all’assessore
alla Cultura Federico Pirone.

Al Castello di Udine, per la prima volta, si espone un patrimonio
unico al mondo: la collezione Luxardo, dal nome del medico di San
Daniele del Friuli che nell’immediato dopo guerra, in memoria del
fratello morto nel conflitto, raccolse oltre 5600 fascicoli di
riviste e monografie d’epoca.

La mostra, promossa dai Civici Musei del Comune di Udine, con il
contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e il sostegno
della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di
missione per gli Anniversari di interesse nazionale, è stata
curata da Luca Giuliani, Giovanna Durì e Anna Villari.

Serracchiani ha visitato assieme ai curatori tutte le sale della
mostra, definendola “un’occasione imperdibile per capire la
tragedia della guerra attraverso un occhio diverso, quello di chi
la stava vivendo in trincea, con un linguaggio “senza confini”
che è quello dell’immagine”.

La prima sala, allestita come una “centralina di comando” del
Servizio P, il potente “Servizio Propaganda” voluto dallo Stato
Maggiore dopo la sconfitta di Caporetto, riporta le direttive
ufficiali recuperate attingendo direttamente alle fonti originali
dell’Esercito.

Uno spazio specifico è dedicato ai giornali austriaci che
falsificavano, per motivi di contro propaganda, giornali
italiani, messi a confronto con gli originali. Due sale sono
riservate l’una alla presentazione di un gran numero di riviste
di corpo, e l’altra a una importante selezione di opere degli
illustratori di maggiore qualità e interesse grafico e artistico.
Seguono uno spazio monocromatico che ospita riviste provenienti
da altri paesi e schieramenti, in diverse lingue e – in un
suggestivo allestimento che riprende il colore lilla dei fogli
originali – una sala dedicata ai ciclostili e a rari fogli
spontanei, usciti spesso in singole copie, talvolta frutto della
attività dei soldati internati in campi di prigionia.

L’esposizione si chiude con le tavole originali di artisti e
fumettisti contemporanei come Gipi, Manuele Fior, Jacques Tardi
fino al notissimo Hugo Pratt, di cui si espongono, oltre alle
chine, un’inedita selezione dei preziosi rodovetri originali
dipinti a mano e realizzati nel 1977 per la trasmissione
“Supergulp”, di Rai Due.

ARC/EP/ppd

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising