Via alla campagna elettorale di Tambellini

da
Advertising

LUCCA. Una bandiera italiana a “salutare” la candidatura di Alessandro Tambellini per le amministrative 2017. Una scelta non casuale per l’inaugurazione della sede di via Calderia avvenuta nella mattinata di ieri.

«L’amore per il nostro paese è importante e il tricolore qui sopra lo dimostra – ha detto Tambellini rivolgendosi alla folla -. Perché in questi cinque anni abbiamo dato un ruolo di valore a Lucca non solo in Toscana e in Italia, ma anche a livello internazionale, come tra pochi giorni si avrà modo di vedere».

Chiaro riferimento al G7 dei ministri degli esteri in programma il prossimo 10 e 11 aprile. Un argomento, quello dell’incontro internazionale, che entra a tutti gli effetti nello scontro elettorale, in particolare con il candidato del centrodestra Remo Santini.

«Lucca merita l’impegno di tutti per continuare ad essere un punto di riferimento nel panorama nazionale – ha spiegato il sindaco uscente e candidato per il centrosinistra -. Stiamo partendo uniti con la voglia di continuare a far di continuare a far crescere e migliorare la nostra splendida città. E proprio l’unità dovrebbe essere l’esempio anche in altri contesti nazionali del Partito Democratico».

Tra le decine e decine di persone che hanno affollato la sede di via Calderia, per il taglio del nastro, c’erano i rappresentanti politici e istituzionali che lo sostengono Tambellini: i parlamentari Andrea Marcucci e Raffaella Mariani, l’assessore regionale Marco Remaschi e il consigliere Stefano Baccelli, i sindaci Patrizio Andreuccetti (Borgo a Mozzano) e Sara D’Ambrosio (Altopascio), tutti gli assessori della sua giunta, i consiglieri comunali di maggioranza, i rappresentanti del Pd, delle liste Lucca Civica, Sinistra per Tambellini e Lucca per l’Ambiente.

«Mi fa molto piacere vedervi in tanti – ha aggiunto il candidato del centrosinistra -. Non a caso soltanto insieme abbiamo prospettive di successo su Lucca. Abbiamo lavorato cinque anni intensamente e siamo giunti alla fine di questo primo percorso in maniera unitaria. Abbiamo impostato un percorso nuovo nell’interesse dei cittadini e della città».

Di nuovo il riferimento, poi, al G7. «L’impostazione del nostro lavoro è stato ad ampio raggio – spiega Tambellini – per far sì che Lucca occupi il posto che merita all’interno del contesto toscano, italiano e internazionale. Cosa che si vedrà tra pochi giorni perché Lucca avrà un palcoscenico di livello mondiale molto importante».

La conclusione con il messaggio agli elettori. «Non tutto quello che volevamo è stato possibile realizzare con le risorse avute a disposizione

– ha concluso il candidato sindaco -. Abbiamo ancora molto da fare e la vostra presenza così numerosa è il segno di una rinnovata voglia di costruirle insieme. Per questo vi prego caldamente di non ritornare a schemi già conosciuti e che appartengono al passato».

 

Fonte: Il Tirreno

Advertising
Advertisements