[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Cultura: Torrenti, "Friuli in musica" valorizza giovani talenti

da
Advertising

Udine, 8 apr – “‘Friuli in musica’ è un’iniziativa di alto
profilo, sostenuta dal ministero e dalla Fondazione Friuli grazie
alla sinergia tra istituzioni che si sta fortunatamente creando
nella nostra regione, e che promuove un percorso importante di
valorizzazione dei giovani talenti della musica, arte che si
esprime con un linguaggio veramente universale”.

Lo ha sottolineato l’assessore regionale alla Cultura Gianni
Torrenti partecipando alla presentazione nel salone del
Parlamento del Castello di Udine del primo triennio di “Friuli in
musica”, avviato per promuovere gli astri nascenti friulani della
musica.

Nato dalla cooperazione della Fondazione Friuli con il Cidim,
Comitato nazionale italiano musica e con la collaborazione del
Conservatorio Jacopo Tomadini di Udine, il progetto ha consentito
di valorizzare le eccellenze friulane, cui è stata offerta la
possibilità di esibirsi e farsi conoscere in prestigiose sedi e
città in Italia e all’estero, creando così concrete opportunità
per il futuro lavorativo nel campo della musica.

Torrenti, sottolineando come il progetto “permetta di proiettare
il Friuli su una ribalta più ampia dei confini della nostra
regione”, ha ricordato “di aver potuto assistere personalmente al
successo dell’esibizione del soprano Elisa Iovele Del Bianco e
del pianista Roberto Brandolisio in occasione della recente
missione istituzionale con la presidente Serracchiani in Uruguay
e Argentina”.

È stata proprio la soprano Iovele Del Bianco a portare la sua
testimonianza in occasione della giornata di presentazione del
progetto, assieme a altri interpreti come l’organista e
clavicembalista Manuel Tomadin che fanno parte della schiera dei
40 musicisti coinvolti nel progetto: assieme a loro anche i
giovani dell’Accademia d’archi Arrigoni, diretta da Domenico
Mason, con il solista Guglielmo Pellarin, primo corno
dell’Orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, che si
sono esibiti nella Sonata II di Luigi Cherubini.

La forte promozione a livello internazionale e i risultati – nel
triennio 123 concerti, di cui 80 in 25 stati dei cinque
continenti e 43 in 10 regioni italiane – sono stati illustrati
dal vicepresidente del Cidim, Francescantonio Pollice, che ha
ricordato come “Friuli in musica” si inserisca nel più ampio
quadro dell’iniziativa nazionale “Circolazione musicale in
Italia” e di quella internazionale “Suono Italiano” promosse dal
Cidim e articolate in proposte concertistiche diversificate per
generi musicali e formazioni strumentali.

Partner d’elezione per questo progetto sono in Italia prestigiose
associazioni concertistiche sostenute dal MiBACT e all’estero gli
Istituti italiani di cultura, le rappresentanze diplomatiche e
organismi artistici internazionali.

Dopo l’introduzione al progetto a cura del presidente della
Fondazione Lionello D’Agostini, sono intervenuti il presidente
del Consiglio regionale Franco Iacop e l’assessore comunale alla
Cultura Federico Pirone.
ARC/EP

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising
Advertisements