Firenze Gestione condivisa dei beni comuni della città, dalla convenzione al "Patto col cittadino"

da
Advertising

Cambia tutto nella gestione dei beni comuni della città. All’esame delle commissioni consiliari, oggi tutte riunite in assemblea a Palazzo Vecchio, arriva il nuovo regolamento. “Un cambiamento epocale, frutto di un lungo lavoro – ha dichiarato la presidente della VIII commissione consiliare (Città metropolitana, decentramento e rapporti coi Quartieri) Stefania Collesei –. Si supera il concetto di ‘convenzione’, che presuppone una separazione gerarchica tra amministrazione da una parte e cittadino dall’altra, per arrivare al ‘patto col cittadino’. La gestione, valorizzazione o risanamento di un bene comune della città (un giardino pubblico ad esempio, ma anche immobili e altri spazi pubblici) potrà essere proposto direttamente dai cittadini, anche da un singolo cittadino, oltre ad associazioni o comitati, oppure sollecitato dall’amministrazione attraverso appositi bandi”.

“Nascerà una struttura dedicata in Comune, perché sia reso il più semplice possibile il percorso burocratico. I Quartieri saranno in prima linea, per la loro natura di prossimità ai cittadini, e il personale del Comune seguirà un apposito corso di aggiornamento per acquisire le nuove procedure. Uno spazio al regolamento sarà dedicato sulla rete civica per promuovere la massima diffusione – ha aggiunto la presidente Collesei –. Il regolamento tocca qualunque ambito dell’amministrazione: dalla cultura allo sport o alla scuola, dall’ambiente all’urbanistica fino al sociale; per questo tutte le commissioni consiliari sono coinvolte nell’esame del regolamento, per fornire ciascuna il proprio apporto”.

L’esame nelle commissioni della bozza di regolamento presentata oggi dalla VIII commissione proseguirà fino al 15 giugno prossimo, con l’obiettivo di portare il regolamento definitivo al voto del consiglio comunale entro luglio. (fdr) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising