[Lucca] Santini: “Con noi le Mura diventeranno monumento da vivere per larga parte dell’anno”

da
Advertising

Lucca –

 IL CANDIDATO A SINDACO REMO SANTINI 

 

Un museo, una palestra a cielo aperto e maggiore trasparenza sui bandi

“Con la nostra amministrazione le Mura di Lucca, primo monumento cittadino oggi sotto-utilizzato rispetto alle sue potenzialità  – diventeranno un luogo veramente da vivere”. Lo sostiene Remo Santini, candidato sindaco per la lista civica SìAmo Lucca e sostenuto anche dalla lista civica Lucca in Movimento e dai partiti Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega Nord.

Pochi passaggi semplici e concreti, per restituire centralità ad un monumento che deve essere sempre più il fulcro della vita cittadina, oltre che teatro di integrazione sociale e prima attrazione turistica. “Apriremo per gran parte dell’anno un Museo delle Mura – afferma Santini – per attivare un circuito turistico virtuoso, con visite guidate sopra, nei sotterranei e rievocazioni storiche, instaurando sinergie con tour operator locali: la biglietteria sarà collocata in una delle casermette. Si tratta di una novità assoluta, un’idea semplice realizzabile a bassissimo costo e di grande impatto per i turisti, ma anche per i lucchesi. La Cooperativa Turislucca ha già sperimentato questo in passato, per alcuni giorni, con largo successo: noi lo renderemo permanente, facendolo diventare elemento di grandissima attrazione. Ad oggi, è incredibile, manca un’offerta turistica adeguata”.

Un discorso che si ricollega a quello della gestione delle casermette: “L’amministrazione attuale ha fatto un pastrocchio sotto gli occhi di tutti – continua il candidato – concedendo spazi in modo approssimativo, scatenando polemiche per una mancanza di trasparenza che, con noi, tornerà ad essere il primo tassello per ogni assegnazione. In tutto questo si salva soltanto l’opera meritevole della Fondazione Crl, che con il suo contributo economico ha consentito un restyling esteriore del monumento. Poi, però, ci sono luoghi come la ex Casa del Boia che restano vuoti per larga parte dell’anno”.

Quanto ai contenuti, quindi, c’è ancora molto da fare: “I lucchesi – conclude Santini – non possono continuare a fare sport in quello che è il nostro principale parco urbano senza uno straccio di strumento utilizzabile. Noi installeremo almeno una palestra a cielo aperto, perché non vogliamo vedere gente costretta a esercitarsi per terra: ci vuole davvero poco, ma in questi 5 anni la Giunta Tambellini non ha fatto nemmeno questo”.

 

Fonte Verde Azzurro

Advertising